sabato 31 dicembre 2011

consigli per gli acquisti

Brunero Gherardini, Quaecumque dixero vobis. Parola di Dio e Tradizione a confronto con la storia e la teologia, edizioni Lindau, 18€.

Dal risvolto di copertina:
«Se vuoi conoscere la Chiesa, non ignorare la Tradizione. Se ignori la Tradizione, non parlar mai della Chiesa.»

Alla domanda quale Tradizione?, questo libro risponde: non la Tradizione che raccatta strada facendo, specie dall'Illuminismo ad oggi, ogni novità, anche la più eversiva della sua identità, per poetrsi dire à la page e Tradizione vivente, ma la Tradizione che vive in quanto veicolata da Cristo e dagli Apostoli alla Chiesa perché essa l'accolga, custodisca, interpreti e trasmetta nei secoli fedelmente e integralmente, quale viene attinta alla sua duplice fonte orale e scritta, testimoniata dai Padri della Chiesa, insegnata dai grandi Concili, in special modo dal Tridentino e dal Vaticano I, e determinata dalla scienza teologica in armonia con gli sviluppi della Parola viva, eodem sensu eademque sententia.

giovedì 29 dicembre 2011

contro gli abbagli pre-vaticansecondisti

...Il card. Siri, in una conversazione con padre Candido Capponi, annunciò addirittura lo sfacelo dell’Unione sovietica. Padre Meinvielle rivelò la presenza di suggestioni neognostiche operanti nel cuore dell’avanguardia atea. Dal suo canto Fabro dimostrò che solamente la filosofia di San Tommaso d’Aquino era in grado di sopravvivere alle catastrofi mentali accadute nel XX secolo...

http://www.storiaverita.org/?p=297

martedì 27 dicembre 2011

sul cosiddetto liberalismo cattolico

Il "liberalismo cattolico" è una malattia mortale, è eretico fin dalle radici:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/De_Segur_liberalismo_catt_peste_perniciosissima.html


...Stando così le cose, sorge il sospetto che il problema non sia se chi frequenta la Messa nella forma straordinaria riconosca la validità del rito ordinario, ma se la Curia riconosca la validità della Messa antica. Evidentemente, centinaia di anni d’uso e molteplici Papi che l’hanno nei secoli celebrata non sono bastati a validarla come cattolica!

http://blog.messainlatino.it/2011/12/caso-gnocchi-e-non-solo-puntata.html

lunedì 26 dicembre 2011

avviso sacro

Mercoledì 28, festa dei Santi Innocenti, alle ore 19 nella chiesa di S.Giuseppe a Capo le Case (via Crispi 24), verrà celebrata una Messa tridentina per i bambini che rischiano di essere abortiti.

domenica 25 dicembre 2011

Terra Santa

Segnalo tre video:

1) Album missionis Terrae Sanctae, del 1883

2) Sanctuaria Terrae Sanctae, del 1895

3) Foto dei santuari


Preghiera composta nel 1920 da Mons. Luigi Barlassina, Patriarca latino di Gerusalemme, in occasione della consacrazione della diocesi gerosolimitana alla S. Vergine. Il Santuario di Nostra Signora Regina della Palestina sorge a Deir Rafat, a metà strada fra Tel Aviv e Gerusalemme. Il titolo Regina della Palestina è stato approvato dalla S. Congregazione dei Riti nel 1933:

O Maria Immacolata, graziosa Regina del cielo e della terra, eccoci prostrati al tuo eccelso trono, pieni di fiducia nella tua bontà e nella tua sconfinata potenza.
Noi ti supplichiamo di rivolgere uno sguardo pietoso sulla Palestina, che più di ogni altra regione ti appartiene, imperocché tu l'hai aggraziata con la tua nascita, con le tue virtù, con i tuoi dolori, e da essa hai dato al mondo il Redentore. Ricorda che qui appunto tu fosti costituita tenera Madre nostra e dispensiera delle grazie; veglia dunque con speciale protezione sulla tua Patria terrena, dissipa da essa le tenebre dell'errore poiché ivi risplendette il Sole dell'eterna Giustizia, e fà che presto si compia la promessa uscita dal labbro del tuo divino Figlio, di formare un solo ovile sotto un solo Pastore. Ottieni inoltre a tutti noi di servire il Signore nella santità e nella giustizia tutti i giorni della vita nostra, affinché per i meriti di Gesù e con il tuo materno aiuto, possiamo alfine passare da questa Gerusalemme terrena agli splendori di quella celeste. Così sia.

sabato 24 dicembre 2011

parla una sopravvissuta

Hanno tentato di ammazzarla mediante una soluzione salina. È sopravvissuta, e ora racconta la sua storia. È Gianna Jessen:




Sul suo sito web si annuncia, per marzo 2012, un film contro l'aborto (October Baby).

mercoledì 21 dicembre 2011

dossier: certe macchie di Lefebvre

(1) Sul "lefebvrocentrismo"

Il 27 maggio 1976 Lefebvre affermò di aver sperato di diventare cardinale (suggerendo l'idea di aspirare anche a qualcosa di più), se solo Pio XII fosse vissuto almeno un altro paio d'anni.

Appena tre giorni prima, il 24 maggio 1976, avendo proceduto ad ordinazioni contro le indicazioni della Santa Sede, era stato sospeso a divinis (cioè da tutte le funzioni sacerdotali). Lefebvre reagì celebrando pubblicamente la messa tridentina a Lille, nella quale chiese pubblicamente che i fedeli tradizionali potessero disporre di almeno una chiesa in ogni diocesi del mondo. Sottinteso: sotto la guida del movimento lefebvriano.

Lefebvre rifiuterà di ordinare preti provenienti da altri movimenti tradizionalisti che però avevano iniziato la formazione in un seminario non suo: ha sempre aspirato a diventare l'unico riferimento della Tradizione.


(2) Sull'ordinazione da parte di un massone

Nello stesso discorso del 27 maggio 1976 aveva detto di essere dispiaciuto di aver scoperto di essere stato ordinato sacerdote dal massone Achille Lienart (che su Chiesa Viva nr. 51 del marzo 1976 veniva indicato anche come satanista da "messe nere").

Lienart era entrato nella massoneria poco tempo dopo la propria ordinazione sacerdotale, pronto per una brillante carriera (massone del 33° grado e cardinale di santa romana Chiesa). Era stato professore di teologia di Lefebvre, e poi il vescovo che lo ordinò.


(3) Sulla FSSPX nata con trucchetti e bugie

Il 23 maggio 1962 Lefebvre fu trasferito da arcivescovo di Dakar a vescovo di Tulle in Francia (di fatto una degradazione, di cui non saranno mai rese pubbliche le motivazioni), diocesi da cui rassegnerà le dimissioni pochi mesi dopo. Successivamente partecipava al Concilio Vaticano II in qualità di superiore generale dei padri spiritani (carica che manterrà fino al 1968): dal 1962 in poi, dunque, non era più vescovo residenziale.

La "Pia unione" che si fece approvare il 1° novembre 1970 conteneva tra le righe il diritto di fondare un "seminario internazionale", nonostante il vescovo che gliela firmava (il vescovo di Friburgo, François Charriere) avesse giurisdizione solo sulla propria diocesi. Inoltre non precisava in dettaglio cosa competesse a chi la guidava. Già il 28 agosto 1971 Lefebvre, "superiore generale", la paragonava ad altre società come ad esempio i padri sulpiziani.

Nel 1971 Lefebvre aveva millantato l'appoggio del card. Wright, all'epoca prefetto della Congregazione per il Clero. Il 9 giugno 1972 Wright smentì seccamente qualsiasi contatto con Lefebvre, affermando inoltre che la sua Congregazione non si occupava di seminari.

Lefebvre fece diversi tentativi di erigere seminari, tutti falliti. Tentò dunque di aprire "pre-seminari". Vi riuscì ad Ecône, dove però era autorizzato (dall'ordinario del luogo, mons. Nestor Adam) solo a "preparare giovani per accedere a corsi universitari a Friburgo". Lefebvre trasformò, senza autorizzazione, l'istituto di Ecône in un vero e proprio seminario. Per ordinare preti i suoi seminaristi, ebbe bisogno di chiedere il favore a due vescovi residenziali stranieri (mons. Guibert dalle isole Réunion e mons. Lacoma dalla Spagna). Successivamente, non potendo produrre lettere dimissorie per i candidati (nessun vescovo residenziale ne rilasciava, e Guibert e Lacoma non avrebbero potuto fabbricarle all'infinito), deciderà di ordinarsi da solo i propri preti, in virtù di una mai meglio precisata "delega" e con varie complicate spiegazioni.

Solo nel 1975, quando Lefebvre comincerà ad attaccare Paolo VI, cominciarono le reazioni da Roma (la Santa Sede era ben informata sulle attività di Lefebvre fin dal 1972). Nel maggio 1975 il vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo, mons. Mamie, dichiarò concluso il periodo "ad experimentum" dell'istituto di Econe (per cui Lefebvre, secondo il diritto canonico vigente, non aveva alcun appiglio per protestare).


(4) Sulle altalene dottrinali

Ancora nel 1974 Lefebvre credeva nella validità del Novus Ordo, affermando che "tende - si noti che dico «tende» - a cambiare la nozione e la realtà del sacrificio con quella di un pasto". Stavano finendo gli anni in cui nel seminario di Ecône si insegnava che per il precetto domenicale, in mancanza di una Messa tradizionale, occorreva partecipare ad una Novus Ordo.

Degno di nota è l'episodio delle Cresime del 22 maggio 1977, quando - contrariamente alle indicazioni ricevute - Lefebvre conferì il sacramento a 150 bambini parigini, approfittandone per insinuare dubbi sulla validità della Cresima conferita altrove.


(citazioni tratte da Hutton Gibson (a cura di), Lefebvre: the Final Unmasking; autore sedevacantista, ma citazioni provenienti da un seminarista lefebvriano oggi defunto).

martedì 20 dicembre 2011

aiuto!! il diavolo!! (ma dai, era solo Paolo VI)




Nella raffinatissima arte scultorea bresciana, questo coso qui sopra sarebbe nientemeno che papa Paolo VI.

L'intera galleria fotografica viene da un blog di un cattolico giapponese che è giunto in Italia per il Papa ed è stato invece accolto dalla cosiddetta "arte", zeppa di simboli tra il grottesco e il satanico. Diciassette pagine di preoccupanti foto. C'è perfino qualche faccia che conosciamo bene...

http://gokyo.tuzikaze.com/SinisterArt/p-01.html

domenica 18 dicembre 2011

una scultura per ricordare le vittime dell'aborto: madri e figli

Una scultura di un autore slovacco, per ricordare le vittime dell'aborto. Alla presentazione c'era anche il Ministro della Salute:

http://www.associazionelatorre.com/2011/12/scultura-del-bambino-non-nato/


La Apple è notoriamente "gay-friendly" ma sull'aborto sembra ancora non allineata ai dogmi modernisti:

http://www.associazionelatorre.com/2011/12/liphone-4s-e-antiabortista/


Ecco alcune chicche del nostro grande amico Vassallo, che sarcasticamente brinda a:
  • la democrazia liberale è un errore spaventoso ma l'applicazione cattocomunista è una barzelletta oscena
  • alla cattomassoneria, succursale e succedaneo del cattocomunismo e alla perpetua gravidanza della mamma dei dementi
  • alla forte sessualità contro natura dei membri del governo in carica
  • all'agonia dell'Europa, un fatto che mi rende felice
  • alla conversione della politica in urologia da bagno turco - con benedizione dei vescovi progressisti
  • alla sentenza della Cassazione che ha stabilito il diritto al rimborso di una coppia la cui dubbia diagnosi dell'ospedale aveva sconsigliato la pratica dell'omicidio rituale (aborto) su un nascitura down - sputa in faccia alla legge Fortuna-Baslini e alla bandiera dello stato che ammette simili mostruosità
  • chi riesce a farci credere nell'esistenza di bombardamenti filantropici può dimostrarci che il pirla [presidente del Consiglio dei ministri] è un genio dell'economia e un benefattore
  • banca mia banca mia per piccina che tu sia il tuo nome è sodomia

sabato 17 dicembre 2011

venerdì 16 dicembre 2011

brutte notizie per i devoti di san Simonino

Ai giudici del processo per la morte di Simonino, interessati a conoscere i motivi per cui essi portavano nel fodero, appeso al fianco, due coltelli, sia Samuele sia Mosè «il Vecchio» spiegavano, senza dare segni d'insofferenza, quello che ai loro occhi era di lapalissiana evidenza. Un coltello serviva a tagliare la carne commestibile, mentre l'altro era riservato ai latticini. Proprio nelle acque della forra, che attraversava la canova di Samuele, il 23 marzo, vigilia della Pasqua del 1475, anno del giubileo, veniva trovato il corpo martoriato di Simonino, un bambino di due anni, figlio del conciapelli Andrea Lomferdorm. Dal tragico ritrovamento partiva l'inchiesta, che avrebbe portato all'incriminazione degli ebrei di Trento come sospetti del rapimento e dell'uccisione del bambino, al loro interrogatorio nel Castello del Buonconsiglio e alla loro condanna, dopo che avevano confessato sotto tortura di essere stati i responsabili del triste maleficio.

(citato da: Ariel Toaff, Pasque di sangue. Ebrei d'Europa e omicidi rituali, edizioni Il Mulino, 2007).


La cappella in cui fu martirizzato san Simonino da Trento (festa liturgica il 24 marzo) è stata recentemente venduta ai diretti interessati; la sua prossima inaugurazione sarà un "evento di portata internazionale":

http://www.associazionelatorre.com/2011/11/sacrilegio-a-trento-la-chiesa-di-s-simonino-diverra-sinagoga/

giovedì 15 dicembre 2011

il famoso prete pedofilo non è mai stato pedofilo

Mumbai, India: un esempio di inculturazione. Quando si celebra la Messa tridentina, i chierichetti servono a piedi nudi, poiché nella tradizione indiana sul luogo sacro si accede a piedi nudi:

http://bregwin.blogspot.com/2011/12/messa-antica-e-inculturazione.html


Grosso guaio per i media anticattolici: il famoso prete pedofilo non è pedofilo. Un applauso per il giornalista che ha creduto ciecamente alla negra che ha infangato il missionario irlandese:

http://www.ilfoglio.it/soloqui/11468


Sui pedofili ebrei invece... Fosse capitata la stessa cosa nell'ambito di una comunità cattolica, apriti cielo, avrebbero voluto arrestare anche il Papa. Ma quando la vergogna pedofila avviene tra gli ebrei (quelli ortodossi di Brooklyn) pochi cinguettii. Che cosa è accaduto sotto il ponte? 117 bambini sono stati violentati ed abusati, 85 persone arrestate:

http://www.pontifex.roma.it/index.php/editoriale/esteri/9834-117-bambini-vittime-della-pedofilia-ebraica-ma-i-media-coprono-e-mafia

mercoledì 14 dicembre 2011

i soliti noti contro la solita Chiesa

Mi giunge questo SMS: «Oooh il nostro parroco ha celebrato con la liturgia di san Basilio, dovevi vedere che bello».

Osservazione: ma che strani, 'sti cattolici aristocratici. Parlano estasiati del rito siro-malabarese, discettano finemente dell'anàfora di san Basilio, si commuovono nel parlare delle interminabili incensazioni del rito in slavone ecclesiastico, e poi... e poi restano indifferenti di fronte al rito "tridentino", quello in cui si santificarono padre Pio, padre Kolbe, don Bosco, sant'Alfonso, sant'Ignazio, eccetera.

Domandina per sua eccellenza l'Ordinario del luogo: chi ha autorizzato il sopracitato Parroco Novus Ordo a cimentarsi con la liturgia di san Basilio celebrata in italiano?


Passiamo ad altre notizie: la guerra dell'ICI contro la Chiesa è ben orchestrata dai soliti Gran Maestri, mentre il quotidiano Repubblica obbedisce con prontezza e i solerti Radicali si danno da fare. Siccome la manovrina non è bastata, ecco che si muove l'Unione Europea.

http://www.culturacattolica.it/?id=17&id_n=29095


L'autogoal della Chiesa visto da Antonio Socci:

http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-difendessero-la-fede-con-la-stessa-tenacia-con-cui-si-battono-per-lici-3898.htm


Quando la Chiesa è complice dei suoi carnefici: cosa significa la faccenda ICI, la crisi di questi ultimissimi anni, e l'inutile tentativo (sottoscritto persino dagli ultimi due pontefici) di incensare il Nuovo Ordine Mondiale:

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/12/sulle-esenzioni-fiscali-della-chiesa.html

martedì 13 dicembre 2011

Alleanza Cattolica e gli occultismi occultati

Mi giunge questo SMS: «La signora canadese ha detto che il marito non è cattolico. Allora le ho chiesto: avventista? luterano? battista? pentecostale? calvinista? E lei: "Novus Ordo"»


Alle origini di Alleanza Cattolica: tra Guénon e Panunzio, occultismi occultati, percorsi iniziatici, autori massonici, una versione sincretina della Tradizione, passando per la TFP prima e il lefebvrismo poi, senza mai rinnegare l'esoterismo:

http://www.thule-italia.net/esoterismo/CostruiremoCattedrali.html

lunedì 12 dicembre 2011

sorpassare a destra... i tiepidi

Mi giunge questo SMS: «Il prolifico islam avanza grazie alla nostra debolezza spirituale.Perciò avrà maggior danno dalla preghiera d'un monastero di clausura che da una bomba atomica».


Ecco un altro tentativo di sfruttare quella stupidità tipica di certo mondo cattolico: pensare che chiunque dica qualcosa di "non anticattolico" sia da venerare come maestro. Riecco dunque il tal Ferrara, citato qualche giorno fa, mentre tenta di sorpassare a destra i cattolici tiepidi (manovra oltremodo facile giacché sono la maggioranza) stavolta mediante un'omelia da capetto ciellino lavato e pettinato:

http://sursumcorda-dominum.blogspot.com/2011/12/la-scomparsa-della-pieta-e-una-notizia.html


Se la continuità fosse reale, non ci sarebbe bisogno di un'ermeneutica per coglierla. Un esempio di come smontare gli argomenti di chi pretende di reinterpretare la Tradizione "alla luce del Concilio" (espressione ambigua e che contiene già in sé un SuperDogma):

http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2011/12/ferve-il-dibattito-sulle-posizioni-di.html


«La vostra civiltà “cristiana” sta concludendosi in un disastro e voi siete così sfrontati da offrirla agli altri?» Succoso florilegio di citazioni tra cui nientemeno che Adolf Hitler precursore dello "spirito del Concilio":

http://totalitarismo.altervista.org/totale/hitler-conciliante-e-altre-storie/

domenica 11 dicembre 2011

ermeneutica della comicità

Mi giunge questo SMS: «ma ti rendi conto? l'arcivescovo in conclusione di predica ha detto: "Dobbiamo tutti convertirci al..." e io commosso mi aspettavo: al Cristo Redentore, al Re dei Re, al Vero Dio e Vero Uomo... e sua eccellenza invece come conclude? "Dobbiamo tutti convertirci AL SINODO!"»


Brutti tempi per gli invas-atei: prima il Papa si fa beffe di chi voleva multarlo, poi azzeccano un'altra figuraccia tentando un'esposto contro la transustanziazione:

http://www.uccronline.it/2011/02/03/unaltra-figuraccia-per-luaar-a-causa-di-un-vigile-urbano-contro-le-ostie/


Nel tentativo di giustificare la fede nel Concilio, il mons. Ocáriz si lascia sfuggire una interessante e comicissima ammissione: «...tenuto conto della persistenza di perplessità manifestatesi, anche nell’opinione pubblica, riguardo alla continuità di alcuni insegnamenti conciliari rispetto ai precedenti insegnamenti del magistero della Chiesa...» Dunque le perplessità sul Concilio Vaticano II e sulla "continuità" sono "persistenti" da mezzo secolo, nonostante l'immane mole di chiarificazioni e interventi.
Spassosissimo articolo corredato di pregevoli fotografie:

http://lux-hominum.blogspot.com/2011/12/il-vero-volto-dellermeneutica-della.html

sabato 10 dicembre 2011

invece di chiedere l'abolizione dell'Imposta Comunale sugli Immobili...

Giovedì scorso - festa dell'Immacolata - tal Giuliano Ferrara, dal suo pulpito televisivo nazionale, ha attaccato i demagoghi, tra cui coloro che pensano di cavare tanti miliardi di euro magicamente imponendo l'ICI alla Chiesa cattolica (che usufruisce della stessa legge di esenzione valida per Emergency, per la Facoltà Teologica Valdese, per gli ebrei, eccetera):

http://sursumcorda-dominum.blogspot.com/2011/12/chiesa-e-ici-quellesenzione-che-vale.html


Solo che non c'è niente di cui rallegrarsi: il novello Defensor Ecclesiae ha dimenticato di dare un termine di confronto sull'ingiustizia dell'ICI, ha evitato di dare ragioni, ha evitato di dire che l'ICI è in fin dei conti un balzello infame e iniquo. Per cui non è stato dissimile dai demagoghi che criticava.

Per esempio, avrebbe potuto benissimo porre una domanda: perché invece di prendersela con la Chiesa, non si pretende l'ICI dai sindacati? Sindacati e sedi di partito non pagano l'ICI: eppure non ci sono mica motivi religiosi...

http://www.ilgiornale.it/interni/bandiere_rosse_e_privilegi_doro_ecco_casta_sindacalisti/27-08-2011/articolo-id=542235


Se tal Ferrara lo avesse detto, avrebbe scatenato un dibattito serio anziché limitarsi a raccogliere il plauso dei cattolici ingenui. Ma evidentemente è proprio quest'ultimo risultato quello a cui mirava.

venerdì 9 dicembre 2011

quell'unica volta che Jovanotti ebbe ragione

Un certo Jovanotti (di cui fino a un minuto fa ignoravo l'esistenza) una volta cantava una canzone il cui ritornello finiva citando "il prete di periferia che tira avanti nonostante il Vaticano".

Mi giunge questo SMS: Jovanotti a suo tempo fu profetico: il nostro prete qui in periferia continua a dire la messa tridentina nonostate le curie e i lupi del Vaticano.


Maometto è tanto lontano:

http://www.fattisentire.org/modules.php?name=News&file=article&sid=3626


Non c'è bisogno che professino esplicitamente l'eresia modernista:

http://cordialiter.blogspot.com/2011/12/il-modernismo-pratico-nel-clero.html

giovedì 8 dicembre 2011

grande intervento di Gherardini

Contro coloro che usano il vecchio trucchetto della petitio principii, ossia "dimostrare" il Magistero del Vaticano II utilizzando... il Vaticano II.

Contro coloro che implicitamente si spacciano per garanti dell'intervento dello Spirito Santo.

Contro coloro che trasformano nobili concetti da realtà penultime a realtà ultime: ossia, assolutizzano.

Contro coloro che in buona fede trasformano il Magistero in una sorta di superchiesa, una casta privilegiata a cui si deve solo obbedienza: ossia confondendo lo strumento col fine.

Contro coloro che con sottili giochi di parole seminano il relativismo perfino nel vangelo di Giovanni.

Contro coloro che pretendono di agganciare all’assistenza dello Spirito Santo ogni stormir di fronda.

Nonostante la cappa di "filtri" di cui è stato circondato, mons. Gherardini riesce a far trapelare questa riflessione sul Concilio Vaticano II, ad onta delle celebrazioni del cinquantenario, il cui tam-tam è già avviato nella giungla clericale:

http://disputationes-theologicae.blogspot.com/2011/12/mons-gherardini-sullimportanza-e-i.html

martedì 6 dicembre 2011

malattie moderne: pedofobia

Nella società postmoderna c’è un’epocale censura su tutto ciò che è naturale, mentre si gonfiano e banchettano nelle nostre giornate paure false, bisogni falsi, desideri falsi, piaceri falsi. E quello che è naturale diventa alieno, dunque spaventoso.

Si arriva poi a quello che in un recente manuale di sociologia ho definito “pedofobia” (Advances in Sociology, vol 13, Nova Publisher, USA), cioè la fobia per l’idea stessa di avere un figlio. Ragazzi, saprete tutto ma proprio tutto su come non avere figli ma niente, proprio niente, su come averli...

http://carlobellieni.com/?p=1033

lunedì 5 dicembre 2011

papa Alessandro VI: la leggenda nera

Un sincero lettore vi riconosce con piacere che quasi tutte le accuse vi sono convinte o di sfrontata calunnia o di manifesto errore, in ispecie alcune delle più obbrobriose:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/Papa_Alessandro_VI.html

domenica 4 dicembre 2011

senza esaminare le premesse...

Il sorprendente seguito che i cosiddetti “diritti gay” registrano rappresenta il trionfo dell’inganno sulla semplice logica. Anche le persone intelligenti arrivano immancabilmente a conclusioni che fanno acqua da tutte le parti. I simpatizzanti dei “gay” non sono necessariamente più creduloni degli altri, sono semplicemente portati ad accettare delle conclusioni senza prima esaminarne le premesse:

http://www.uccronline.it/2011/12/02/strategia-del-linguaggio-gay-che-cose-realmente-lomosessualita/


Tra i nemici più feroci della Chiesa annoveriamo senza esitazione i gesuiti moderni (a suo tempo etichettati ge-SUINI). Espertissimi di "castronerie di grande portata", prima compiono lo "storpiamento liturgico" (una "porcata immonda") e poi si "autocelebrano" dicendo che la propria opera seguirebbe nientemeno che le linee del Magistero Pontificio. Meriterebbero perciò che si realizzasse pienamente l'auspicio di sant'Ignazio di Loyola in punto di morte: cosa chiedo per i gesuiti? persecuzioni.

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/12/andrea-dallasta-e-il-caso-di-reggio-la.html

venerdì 2 dicembre 2011

i guai che fa un parroco

Parroco picchiato da alcuni fedeli: la sua colpa? Aveva ripreso a celebrare la Messa sull'altare anziché sul tavolino del predecessore, eliminati i canti non consoni recuperando quelli in latino ed invitato i fedeli a comunicarsi in ginocchio e sulla lingua, seguendo l'esempio di Benedetto XVI:

http://sursumcorda-dominum.blogspot.com/2011/11/picchiato-un-parroco-nella-diocesi-di.html

giovedì 1 dicembre 2011

quando i gesuiti denigravano la massoneria

La massoneria nemica di Dio, nemica di Cristo, nemica della Chiesa, nemica dei Re, nemica della Società, nemica della verità, nemica della morale, nemica della famiglia, nemica dell'uomo:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/massoneria_ecco_il_nemico.html


Il teologo di riferimento di Benedetto XVI (ossia il cardinal Ratzinger) ha affermato che il matrimonio va fondato sulla verità:

http://www-maranatha-it.blogspot.com/2011/11/da-uno-scritto-poco-conosciuto-del.html


Figuraccia dei sedicenti razionalisti atei: la "visita pastorale" non si può legalmente considerare un sopruso ai danni dei non credenti:...

http://www.culturacattolica.it/?id=17&id_n=29035

martedì 29 novembre 2011

quando la Bussola Quotidiana disorienta...

I contestatori del Papa fanno sempre carriera:

http://www.culturacattolica.it/?id=17&id_n=29027


In questi giorni la benemerita Bussola Quotidiana chiedeva contributi da cento euro ai propri lettori e benefattori, ma non sempre se li merita...

http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2011/11/la-chiamano-la-bussola-quotidiana-ma-di.html


Anche il buon Messori ogni tanto prende qualche piccola cantonata:

http://www.lavocedidoncamillo.com/2011/11/il-golpe-di-napolitano-fantasieparola.html

lunedì 28 novembre 2011

i guai di chi crede nella transustanziazione

...[nelle terre] scoperte e da scoprire [America e isole vicine], la nostra principale intenzione fu (..) di fare in modo di indurre e attrarre i popoli che le popolano a convertirsi alla fede cattolica, e inviare a tali Isole e Terraferma prelati e religiosi e chierici e altre persone dotte e timorose di Dio per istruire gli abitanti e residenti di quelle terre alla fede cattolica, e insegnare loro buoni costumi...

http://bregwin.blogspot.com/2011/11/testamento-della-regina-isabella-di.html


I cattolici inglesi, colpevoli di credere alla transustanziazione e al primato di Pietro, venivano squartati vivi:

http://unafides33.blogspot.com/2011/11/i-martiri-inglesi-fedeli-fino-al-sangue.html

venerdì 25 novembre 2011

non era un ammasso di cellule



Copertina storica del periodico Diva e donna, del quale ignoravo completamente l'esistenza. Vi si afferma (senza che nessuno protesti) che una famosa diva ha "perso il bambino" dopo "poche settimane di gravidanza".

Ogni donna, alla prima ecografia, quella in cui di chiaro si vede solo il cuoricino che pulsa, sa con certezza che quello è il cuore del suo bambino, di suo figlio.
E se lo perde, quel bimbo; se un aborto spontaneo mette fine a quella gravidanza, a quella vita, si dispera. E’ in lutto perché è morto suo figlio. Anche se nessuno, ancora, vedeva segni esteriori della gravidanza. Anche se quel bambino, piccolissimo, ancora non poteva scalciare e dunque farsi “sentire”. C’era. Inequivocabilmente.


Non era "materia" da abortire, non era un "ammasso di cellule". C'era.

www.culturacattolica.it/?id=17&id_n=29001

giovedì 24 novembre 2011

Guénon

Il buon Introvigne è andato a scovare nell'enorme cimitero al Cairo la tomba di René Guénon:

http://www.cesnur.org/2007/mi_rg.htm


È noto che Guènon relativizza e riduce la Mistica cristiana (che d’altronde non è solo occidentale) a livello di sentimentalismo o devozionalismo... nell’opera guènoniana i dogmi principali della Religione cattolica sono fraintesi e svuotati del loro vero significato. Guènon, imbevuto di esoterismo cabalistico e massonico, ha cercato di infiltrare negli ambienti cattolici tradizionali la falsa idea di una Tradizione primordiale universale e fondamentale che inglobi tutte le varie religioni, mantenendo segreta la sua affiliazione al Sufismo monista e alla Massoneria scozzese:

http://www.doncurzionitoglia.com/reneguenon.htm

l'autobiografia della ''Gospa''

Quando le traduzioni in italiano spregiano e contraddicono il testo originale latino: il caso dell'Universae Ecclesiae:

http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2011/11/universae-ecclesiae-osservazioni-sulle.html


Sul blog Tradizionalista Cattolico trovo la Storia di un'anima di santa Teresa di Lisieux. Il libro è leggibile on-line (anche su numerosi tablet e smartphone) cliccando a questo indirizzo:

http://www.scribd.com/fullscreen/73517998


Medjugorje: La "Gospa" stasera [7 gennaio 1983] ha cominciato a raccontare la sua vita. Lei racconta loro ed essi la seguono nella sua crescita. Ha detto che narrerà loro, a puntate, la sua vita. Ha proibito loro di raccontarla agli altri finché lei non avrà detto tutto. Ha assegnato a ciascuno di essi il compito di mettere per iscritto la sua biografia.

Una "veggente" asserirà di aver ricevuto il racconto per 850 giorni (gli altri veggenti per periodi differenti ma più brevi), fino al 10 aprile 1985. Nel 1988 la "veggente" confermerà di aver completato il libro e di essere in attesa dell'ordine di pubblicazione, che la "Gospa" ancor oggi non ha dato:

http://www.marcocorvaglia.com/medjugorje/la-vita-della-madonna.html

mercoledì 23 novembre 2011

quando l'idea soppianta la realtà

L'idea soppianta la realtà, l'indefinito offusca le certezze, il buonismo vanifica la carità: ecco la sedicente "chiesa" del vaticansecondismo che fa a meno della fastidiosa e ingombrante Tradizione:

http://satiricus.wordpress.com/2011/11/21/gnocchi-messa-negata-6-riflessioni/


Incredibile: l'oratorio di Barmingham, dovendo scegliere quale Messa togliere dall'orario, ha tolto... quella Novus Ordo, poiché meno frequentata della Vetus Ordo:

http://unafides33.blogspot.com/2011/11/segni-dei-tempi.html


Ecco la seconda lettera aperta al vescovo che ha approvato lo scempio della cattedrale di Reggio. Anche stavolta, ne siamo certi, non risponderà:

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/11/seconda-lettera-aperta-mons-caprioli.html

martedì 22 novembre 2011

se la critica è costruttiva...

"La critica costruttiva può essere un gran servizio da rendere alla Chiesa", specialmente su questioni di liturgia e diritto ecclesiastico che paiono difficilmente conciliabili con la Tradizione. Intervento del leggendario don Stefano Carusi:

http://blog.messainlatino.it/2011/11/la-ragion-dessere-dellistituto-del-buon.html


Anziché nell'Italia papalina, queste cose succedono solo nella Russia postsovietica: multe a chi effettua in pubblico dichiarazioni gay o gesti contro natura. Laicisti e omosessualisti ovviamente scandalizzati e infuriati:

http://www.lettera43.it/attualita/31630/san-pietroburgo-multe-a-gay-e-lesbiche.htm


Come l'ateo più famoso del mondo, a furia di risultati scientifici, si è arreso all'evidenza ed ha cambiato idea: «pur avendo esposto e difeso l’ateismo per più di mezzo secolo, è per il quadro del mondo che è emerso dalla scienza moderna, in particolare credo che il materiale del DNA abbia dimostrato, con la complessità quasi incredibile delle disposizioni di cui si necessita per generare la vita, che l’Intelligenza debba essere stata così coinvolta nel far sì che questi elementi diversi operassero insieme»:

http://www.uccronline.it/2011/11/21/roma-presentazione-del-libro-sulla-conversione-del-filosofo-ateo-antony-flew/

sabato 19 novembre 2011

storia del Filioque

"Che procede dal Padre e dal Figlio": storia di accuse mal fondate da parte dei cosiddetti ortodossi, e di scismi che si potevano evitare:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/Gaume_storia_Filioque.html


Per evitare il pericolosissimo contagio della Messa Tridentina, ogni trucchetto è buono per trasformarsi in don Abbondio:

http://blog.messainlatino.it/2011/11/il-caso-gnocchi-e-lo-sfregio-al-papa.html


Involontaria ironia della società relativista: inventano un corso di laurea in "felicità". Eppure basterebbe studiare gli scritti dei santi (per esempio san Tommaso d'Aquino) per capire cos'è la felicità:

http://www.libero-news.it/news/871625/Nuova-fabbrica-dei-disoccupati-Nasce-la-laurea-in-Felicità.html

venerdì 18 novembre 2011

guarire dall'omosessualità

Mi giunge questo SMS: «buttiamo tanta salute per fare soldi... e poi buttiamo tantissimi soldi per recuperare la salute!»


Come se non bastassero gli "outing" degli ex-omosessuali, ci si mette anche l'ex presidente dell'APA (Associazione degli Psicologi Americani, quella che pubblica il DSM, il manuale di Diagnosi e Statistica dei problemi Mentali, ritenuto la "bibbia" della psicologia). Questo ex presidente afferma che l'APA ha permesso che il politically correct trionfasse sulla scienza, sulla conoscenza clinica e sull’integrità professionale. Il pubblico non può più fidarsi della psicologia organizzata per parlare di prove, piuttosto si deve basare per quel che riguarda l’essere politicamente corretti...

http://www.uccronline.it/2011/11/16/lex-presidente-dellapa-%C2%ABdallomosessualita-si-puo-uscire-lapa-e-solo-politica%C2%BB/


Guarda caso erano le stesse cose dette (più sommessamente) dalle due maggiori organizzazioni mondiali che mediante la conversione religiosa facevano guarire dall'omosessualità:

http://www.couragerc.net Courage (di impronta cattolica)

http://exodusinternational.org Exodus (di impronta protestante)

giovedì 17 novembre 2011

Messa, cioè sacrificio

In quanto sacrificio latreutico ed eucaristico, la santa Messa ha il fine di riconoscere Dio e di adorarlo come nostro sovrano Signore e nostro maggior benefattore, rendendogli culto ed azioni di grazie di illimitato valore. In quanto sacrificio impetratorio e propiziatorio essa produce i più vari e più utili effetti per la salvezza dell'uomo, i quali sono propriamente e soprattutto designati col nome di frutti della santa Messa:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/Santa_Messa_sacrificio_espiatorio.html


In tempi di banche che governano, riecco la storia non autorizzata (e mai smentita) della comunità di sant'Egidio, cioè quella che creò l'incontro interreligioso di Assisi nel 1986, quella che va al potere mediante un "grande bluff":

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/11/16/andrea-riccardi-ministro-una-biografia-non-autorizzata/


Grandi novità presso le edizioni San Paolo: la redazione e il consiglio di amministrazione hanno votato, pressoché all'unanimità, una leggerissima variazione della veste grafica del settimanale venduto in tutte le parrocchie italiane:

mercoledì 16 novembre 2011

segnalazione sito web e libri

Il sito web Libri senza censura ha pubblicato in formato elettronico PDF il testo Complotto contro la Chiesa di Maurice Pinay:

http://librisenzacensura.files.wordpress.com/2010/10/complotto-contro-la-chiesa-maurice-pinay.pdf

Breve presentazione: sotto lo pseudonimo Maurice Pinay un nutrito gruppo di ecclesiastici di varie nazionalità (principalmente sacerdoti italiani dell'Unione Cattolica Tridentina e messicani dell'Università di Guadalajara) scrisse in 14 mesi questo dettagliato dossier "Complotto contro la Chiesa" e lo inviò nel 1962 tutti i padri conciliari all'inizio del Concilio Vaticano II.

Il testo inizia con questi capitoli:
- il comunismo
- la massoneria
- la sinagoga di satana
- la quinta colonna nella Chiesa

La prima edizione fu data alle stampe a Roma, nel 1962, in lingua italiana; seguirono edizioni in Austria (gennaio 1963), Venezuela (fine 1963) e Messico. Uno dei motivi che spinse gli autori a scriverlo fu quello di bloccare il cardinale Agostino Bea dal fare concessioni troppo ardite alle autorità ebraiche (poiché l'ebraismo dei tempi di Gesù è molto diverso dall'ebraismo talmudico), concessioni che sfociarono poi nel documento Nostra Aetate.


Sullo stesso sito web è altresì disponibile il libro di padre Iustinus Bonaventura Pranaitis, sacerdote cattolico russo, Christianus in Talmude Iudaeorum sive Rabbinicae doctrinae de Christianis secreta ("il cristiano nel Talmud dei giudei, o dei segreti della dottrina rabbinica sui cristiani"), pubblicato nel 1892 con imprimatur ecclesiastico.

http://librisenzacensura.files.wordpress.com/2010/11/talmud_e_cristiani_pranaitis_pro1.pdf

Il documento PDF riporta la sola traduzione in italiano - il testo originale era infatti in latino con ampi estratti in lingua ebraica (la versione cartacea, con riproduzione anastatica dell'originale a fronte della traduzione, è disponibile presso le edizioni FDF attualmente a prezzo scontato).

martedì 15 novembre 2011

quando Tintin era cattolico...

Con il clero di oggi così stupidamente appiattito sulla conservazione del proprio status quo "economico" e "pastorale", fa una certa meraviglia scoprire che esistono ancora preti massoni. La massoneria è fatta da uomini intelligenti, scaltri e decisi (il che esclude almeno tre quarti del clero cattolico diocesano attualmente in servizio):

http://www.agerecontra.it/public/press/?p=14208


È nientemeno che un rabbino dell'American Jewish Committee quello che ha richiesto che la FSSPX accetti la Nostra Aetate. Il cardinal Koch glielo ha promesso:

http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2011/11/una-inammissibile-e-reiterata-ingerenza_12.html


Le avventure di Tintin. Quando l'autore era cattolico (anni Trenta), Tintin era un'apologia dei missionari cattolici e contro il comunismo sovietico:

http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-il-cattolico-tintinsecondo-spielberg-3599.htm

lunedì 14 novembre 2011

Messori parla di Lutero

Secondo la leggenda, Lutero affligge le sue 95 tesi in rigoroso latino sul portale della cattedrale, in un'epoca in cui i tedeschi normalmente già non sapevano leggere il tedesco, figurarsi leggere il latino, figurarsi leggere 95 pagine di tesi per poi protestare, figurarsi dopo che tutto sommato le 95 tesi erano perfino state giudicate tutto sommato ortodosse addirittura dal vescovo...

http://www.fattisentire.org/modules.php?name=News&file=article&sid=3607


Brevi e precise note su tre pessimi maestri della nostra epoca:

http://www.doncurzionitoglia.com/struttur_nichil_sartrericoeurstr.htm

domenica 13 novembre 2011

...anatema clic !!

Moralismo anti-internet dei lefebvriani: sebbene l'articolo sia farcito di ovvie buone considerazioni, l'autore è terrorizzato circa quanto circola nei cosiddetti "forum tradizionalisti" da parte di tanti "nicknames" sprovvisti di licenze in teologia lefebvriana (le sole licenze che garantiscono "umiltà"), "nicknames" che perciò diffondono "calunnie, maldicenze malevoli, giudizi perfidi e temerari, in un crescendo wagneriano" contro la FSSPX e a volte anche contro il resto dell'universo.

Conclusione dell'autore: tutto il tempo passato sui forum e sui blog è "sciupato" e perciò bisogna "spegnere i computer". Anatema clic!

http://www.sanpiox.it/public/index.php?option=com_content&view=article&id=410


Santa Edith Stein: il pericolo che si può correre studiando la Stein è appunto quello di confondere la sua vita esemplare con la sua dottrina che esemplare non è, accettando e bevendo il veleno della sua filosofia dopo aver ammirato la eroicità della sua vita. Il sangue versato cancella l’inchiostro imbrattato. Ma a noi sta ammirare e - se Dio lo vuole - imitare il sangue versato, senza lasciarci deviare dell’inchiostro imbrattato.

http://www.doncurzionitoglia.com/falsa_filosofia_edith_stein.htm

sabato 12 novembre 2011

per l'autonominato la Bibbia cita Berlusconi

L'autonominato priore della bibbia sarà mai stato a catechismo? [...] ha ridotto a schema la dottrina cattolica sul peccato originale, ha definito “stupidaggine” la sofferenza offerta e ha ridicolizzato il problema dell’inferno... [...] di fronte alla lettura di citazioni testuali della prolusione del priore dove, fra altre affermazioni, leggo la sua personalissima attualizzazione delle pagine dell’Apocalisse sulla grande Bestia e il suo profeta.
È l’ennesima patetica sparata contro il Premier e l’ormai innocuo Gheddafi trasformati nel profeta e nella grande Bestia. Mentre leggo non posso non domandarmi perché certe cose non siano state dette prima, con Gheddafi vivo, magari durante la visita al nostro paese nel 2010…


http://www.culturacattolica.it/?id=17&id_n=28900


In compenso il priore autonominato si guarda bene dal citare gli scritti di p.Tomaselli:

http://cordialiter.blogspot.com/2011/11/un-ragazzo-allinferno.html


Il don Curzio smonta impietosamente la mitologia teocon/neocon e l'americanismo dei cattolici dé noàntri, terrorizzati dall'islam e dai matrimoni gay ma pericolosamente indifferenti su massonerie e inquinamento della fede:

http://www.doncurzionitoglia.com/masson_americ_mondial_teocon.htm

venerdì 11 novembre 2011

bisogna diffamare i nemici della Chiesa

Dice il De Maistre che la Chiesa e i Papi non domandano che verità e giustizia. Tutto all'opposto dei liberali, i quali, per quel salutare spavento che debbono naturalmente avere della verità, e molto più della giustizia, non fanno altro che domandare la carità...

..l'ammaestramento di S. Francesco di Sales che, nella sua Filotea, conchiude il Capo 29 della Seconda Parte col seguente bel testo: ...i nemici dichiarati di Dio e della Chiesa debbonsi diffamare quanto si può (ben inteso senza dir bugie) essendo carità il gridare al lupo quando è tra le pecore, anzi in qualunque luogo egli sia...

«Siccome è carità il non perdonare alla vita di un malfattore per salvezza di molti buoni, così è carità il non perdonare alla fama di un empio per salvare l'onore di molti pii»

Ora i liberali non possono negare che essi si trovano molto più sovente nel caso degli assalitori che non delle vittime. Qual maraviglia che spesso ancora tocchino qualche randellata? Qual maraviglia che sì sovente strillino che non si usa loro carità?

Ben giustamente è chiamato mellifluo S. Bernardo. Noi non istaremo a ricopiare quanto egli scrisse risentitamente contro Abelardo. Ci contenteremo di quanto scrisse contro Arnaldo di Brescia; poichè, avendo questi alzato bandiera contro il Clero e avendo procurato di privarlo delle sue rendite, fu uno dei precursori dei nuovi nostri politicastri. Trattollo dunque da disordinato, vagante illecitamente, seduttore, vaso di contumelie, scorpione vomitato da Brescia, avuto in orrore da Roma, in abbominio dalla Germania, discacciato dal Sommo Pontefice, affamato col diavolo, operante l'iniquità, divorante la plebe, avente la bocca piena di maledizione e di amarezze, seminatore delle discordie, fabbricatore di scismi, i cui denti sono armi, la cui lingua è spada, fiero lupo.


Citazioni tratte da:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/carita_e_liberalismo.html

giovedì 10 novembre 2011

libertà per i giovani!

Cari giovani, in Europa c’è libertà per tutti: potete saltar giù da un palazzo attaccati ad un elastico, comprare quasi tutti i tipi di droga (e consumarla sul posto), sposarvi con vostro zio o vostro cugino (perché no?), girare filmini hard durante l’Erasmus ecc…
Ma c’è una cosa (anzi due) che non potete assolutamente fare, in quanto ne va della vostra incolumità: fumare nei locali pubblici. E, ancora peggio, diventare un leader nazionale.
Ragazzi, la vita non è un gioco, non sprecatela tentando la via della politica per servire il vostro Paese. Pensate ai vostri genitori, alle vostre famiglie: come potete lanciarvi in un’attività così nociva per la salute, senza alcuna esitazione? Ma dove avete la testa?


http://totalitarismo.altervista.org/totale/il-mestiere-piu-pericoloso-d-europa/

lunedì 7 novembre 2011

il femminismo e i maschietti autoflagellanti

"L'arte del zerbinaggio": database in continuo aggiornamento sul fenomeno dei maschi autoflagellanti, i fedeli cani da guardia della religione femminista:

http://zerbini.altervista.org


"In una società femminista, sposarsi equivale a giocare alla roulette russa":

http://nomatrimonio.altervista.org/


Complessata moderna: ironia sul femminismo:

http://complessata.altervista.org

domenica 6 novembre 2011

alcuni articoli di Magister

Tra l'autonominato di Bose e certi anglicani c'è feeling:

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/11/03/assisi-la-scappatella-del-patriarca-e-del-primate-con-la-regia-di-bose/


Il cardinal Martini è ancora in tempo per pentirsi e convertirsi alla vera fede: accusa Rinnovamento nello Spirito di essere fondato su "dinamiche del potere e del profitto". E ora che cosa mi diranno le amiche di Rinnovamente che hanno sempre elogiato il Martini?

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/11/01/rinnovamento-nello-spirito-no-potere-e-profitto/


Ohibò! Quattro "marxisti ratzingeriani" si lamentano col Partito Democratico che la vita viene manipolata (e il Corriere rifiutò di pubblicarli):

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/10/31/dialogo-si-purche-questi-atei-non-siano-troppo-ratzingeriani/

sabato 5 novembre 2011

Messa tridentina del card. Castrillon Hoyos nella Basilica di San Pietro

Il cardinale Darío Castrillón Hoyos ha celebrato stamattina la santa Messa in rito tradizionale nella cappella del Santissimo Sacramento della Basilica di san Pietro a Roma, in occasione dell'apertura dei lavori della XX assemblea generale della Foederatio Internationalis Una Voce. Ecco alcune foto (cliccare per ingrandire):



venerdì 4 novembre 2011

disegnini infantili nell'evangeliario

Una vera randellata negli stinchi per il nuovo cardinale di Milano: ecco il nuovo evangeliario ambrosiano, con illustrazioni in odium fidei che fanno gridare ad ogni buon cristiano: "una cagata pazzesca!"

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/11/immagini-del-nuovo-evangeliario.html


Se questo è un ciellino: il cardinal Scola elogia l'obbrobrio dell'evangeliario. Contrordine, compagni!

http://tinyurl.com/65f2uzj

martedì 1 novembre 2011

odio perfetto e vera carità

Una petizione internazionale contro il Cesare Lombroso, a cui il comune di Milano ha dedicato una via:

http://www.nolombroso.org/it/


Quando l'odio perfetto appartiene alla carità:

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.com/2011/10/devono-essere-amati-devono-essere.html


L'esorcista che "...ha un’Alfa 75 duemila twin spark («l’ultima Alfa Romeo a trazione posteriore») con cui ha percorso 386mila chilometri, e prima ne aveva una uguale con cui ne ha macinati 527mila...

http://www.sancarlo.org/it/?p=4542

lunedì 31 ottobre 2011

testimonianze pericolose (per il posto di lavoro)

Chi non approva l'omicidio degli infanti, cioè l'aborto, è minacciato per direttissima. Il "reo" aveva semplicemente detto: «Sono qui per testimoniare contro il grave delitto dell'aborto, anche quello chimico della Ru 486»:

http://www.infermierin.it/in-news/248-infermiere-in-corteo-contro-l-aborto-finisce-sotto-inchiesta-disciplinare

dossier: carriere ecclesiastiche

La carriera ecclesiastica più è scalcagnata e più dà frutto. Alcuni esempi sparsi:

sant'Alfonso Maria De Liguori:
* nato nel 1696
* a 17 anni, laureato in utroque iure
* a 27 anni, entra nella congregazione dell'Oratorio
* a 30 anni, viene ordinato sacerdote per la diocesi di Napoli
* a 66 anni, ordinato vescovo per insistenza di papa Clemente XIII

Francesco Barberini:
* nato nel 1597
* a 26 anni, cardinale
* a 28 anni, arciprete della Basilica Vaticana
* a 30 anni, abate di Grottaferrata e Farfa

Clemente XI (Giovanni Francesco Albani):
* nato nel 1649
* a 28 anni, papa Innocenzo XI lo nomina amministratore delle diocesi di Rieti, Sabina, Orvieto
* a 41 anni, papa Alessandro VIII lo nomina cardinale e lo ordina diacono
* a 51 anni, papa Innocenzo XII lo ordina sacerdote
* pochi mesi dopo viene eletto Papa (e quindi si procedette in fretta all'ordinazione episcopale)

san Berardo dei Marsi:
* nato nel 1079
* a 20 anni, cardinale prete
* a 30 anni, cardinale vescovo di Marsi

san Carlo Borromeo:
* nato nel 1538
* a 20 anni, nominato cardinale Segretario di Stato
* a 25 anni, ordinato sacerdote e vescovo

sant'Ambrogio di Treviri:
* nato nel 339
* a 35 anni, ancora non battezzato e senza studi teologici, viene acclamato vescovo; in soli sette giorni si procede dal battesimo agli ordini sacri

san Filippo Neri
* nato nel 1515
* a 35 anni, senza studi teologici, in tre mesi riceve gli ordini minori, diaconato e sacerdozio

domenica 30 ottobre 2011

Pio IX condanna i Savoia

Mi giunge questo SMS: «quando c'era il Duce, persino i trenini-giocattolo giungevano in orario».


"La famiglia di chi ruba a Dio non giunge alla quarta generazione": così diceva san Giovanni Bosco. Nel dicembre 1854 aveva messo in guardia il Re scrivendogli: "Persona illuminata ab alto ha detto: Apri l'occhio: è già morto uno. Se la legge [legge Rattazzi sulla soppressione di 334 conventi] passa, accadranno gravi disgrazie nella tua famiglia. Questo non è che il preludio dei mali. Erunt mala super mala in domo tua. Se non recedi, aprirai un abisso che non potrai scandagliare":

http://www.francobampi.it/franco/ditutto/curiosita/don_bosco.htm


Il Re viene scomunicato nel maggio 1855. Nel 1859 chiederà la remissione della scomunica (che papa Pio IX accordò senza condizioni), tornando però presto a pervertire tutti i diritti umani e divini. Nella Multis gravibusque del 17 dicembre 1860 Pio IX parla dei Savoia:

«...la pravità di uomini empi che si proclamano figli della Chiesa Cattolica, e sono anzi da chiamare figli delle tenebre... Tale cumulo di mali viene principalmente compiuto da coloro che, al fine di allargare la loro dominazione in Italia, pervertono audacemente tutti i diritti umani e divini, si dicono autori di pubblico bene, e dovunque invadono, a modo di fierissima tempesta, lasciano impresse orme di furore e di eccidio...»

sabato 29 ottobre 2011

cinghiali corazzati

Mi giunge questo SMS: «Argomento contro il sacerdozio alle donne: la Bindi voleva farsi suora: "Da bambina, nella solitudine dei miei giochi, ho celebrato tante messe, tante omelie"».


Cartellone esposto all'Università del Sacro Cuore:

http://www.cinghialecorazzato.info/2011/09/27/in-onore-del-soldati-del-papa-re/


Il discorso del Papa ad Assisi: meno di così non si poteva dire, più di così era proibito dire. Un discorso "politico", insomma; non è stato il pasticciaccio brutto che temeva il don Floriano (sì, don Floriano, quello che ha dato alle fiamme i testi del Vaticano II guadagnando in tal modo la benedizione di un vescovo che tuttora vuole rimanere anonimo e che invece io vorrei di tutto cuore intervistare!) Sì, sarebbe stato divertente vedere il Papa maledire gli idolatri che perseguitano i cattolici, ma così avrebbe involontariamente maledetto anche gran parte della gerarchia.

http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1350009

venerdì 28 ottobre 2011

convertitosi da rosminiano a tomista...

Da rosminiano a tomista - storia di una conversione:

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/don_Sichirollo_rosminiano_pentito.html


Vorrei tanto intervistare il vescovo «che mi benedisse per aver consegnato alle fiamme il testo del concilio Vaticano II preferisce tutt’ora rimanere nell’anonimato»...

http://www.pontifex.roma.it/index.php/opinioni/consacrati/9269-dichiarazione-di-don-floriano-abrahamowicz-circa-assisi-iii


A margine del presunto assassinio di Gheddafi, vado a ripescarmi in internet qualche foto delle italiche gheddafine, che non troppo tempo fa alla visita del Colonnello all'alleato italiano, sfoggiavano minigonna e Corano:

giovedì 27 ottobre 2011

ecumenismo: definiamo il Protestantesimo

La Riforma, ossia il Protestantismo, che da Martin Lutero trasse l'origine, molte e varie definizioni ha ricevute: altri la chiamarono la libertà del peccato, altri l'anarchia della fede, altri il delirio della ragione, altri il conquassamento dell'ordine. Più propriamente alcuni riformati moderni l'hanno denominata, col Chasles, la riabilitazione della carne, il rialzamento dell'altare della voluttà, in breve, la risurrezione del sensualismo pagano...

http://progettobarruel.zxq.net/novita/11/opera_Martin_Lutero.html


«Lutero ha dato ai principi conventi ed abbazie, ai preti mogli, alla plebe vita licenziosa: ecco i veri impulsi ammirabili al progresso della Riforma.» Onde il suo dire: «I bei raggi d'oro de' nostri ostensorii han fatte più conversioni, che tutte insieme le nostre prediche.»

Molto bene viene espresso dal vocabolo protestantesimo, inventato dopo la dieta di Spira dai principi addetti a Lutero, per opporsi alle risoluzioni in essa dieta fermate. Costoro, con altri deputati delle città imperiali, protestarono: e di qui il nome di protestanti, allargatosi a comprendere tutti quanti i seguaci delle innumerevoli sètte, che in quel secolo alzarono bandiera di ribellione alla Chiesa cattolica. La generica professione di fede, come giustamente osserva un illustre storico moderno, contenuta allora in questa parola, è durata sempre la medesima fino al presente: «Io credo in me e protesto contro la Chiesa romana.»

...Così i luterani, i quali mantengono ancora la credenza nella divinità di Gesù Cristo, e i pastori di Ginevra, coi Feuerbach, Stirner, Marr, Strauss, Hase, Ewald e mille altri, che la ripudiano e bestemmiano, avvegnachè tra loro contradittorii, sono non di meno alla pari tutti buoni e veri protestanti, perocchè ognuno crede in pari modo a sè e protesta del pari contro la Chiesa romana. Per render la cosa più manifesta, pigliate, siccome fece Lutero, una chiesa cattolica, levatene il segno del cristiano, l'altare del sacrifizio, a dir breve, tutto ciò che potrebbe dare un'idea di religione; non vi lasciate altro che le quattro mura, e voi avrete un tempio protestante, sulla cui fronte potrete scrivere a lettere palmari: Tempio della ragione individuale.

martedì 25 ottobre 2011

cattolici sedicenti

Per il sedicente monaco autonominatosi priore, si può essere felici anche da atei. Ma allora perché diamine si spaccia per cattolico? E perché i vescovi lo invitano a tener lezione?

http://bregwin.blogspot.com/2011/10/enzo-bianchi.html


Comico: una colossale manifestazione di ben diciotto persone (capeggiata da un prete scomunicato) con lo striscione "Dio chiama le donne a essere preti" è stata gentilmente interrotta dalla Polizia a Roma. Ne danno notizia, con una punta di acuta amarezza, solo i cattocomunisti di Adista, che non si sono accorti che il Sessantotto è finito da un pezzo:

http://www.adistaonline.it/index.php?op=articolo&id=50861


Buonumore: se un recente mito fosse nato in provincia di Napoli:

http://antoniomenna.wordpress.com/2011/10/08/se-steve-fosse-in-provincia-di-napoli/

sabato 22 ottobre 2011

sugli odiatori e sull'onore di un Parlamento

«L’onore di un Parlamento è parlare di ebrei, è vigilare sull’antisemitismo, combatterlo in ogni modo. Attenzione, occhi aperti, le cose sono assai più complesse di quel che paiono. Tutte le motivazioni sbandierate per odiare gli ebrei, per disprezzarli o condannarli, per quanto siano inique e scellerate, risultano pudìche; dicono di un odiatore che ha timore del proprio stesso odio e deve travestirlo con vesti acconce. [...]

«L’odio antisemita punta al bersaglio più grandioso che si possa immaginare, Dio [...]

«O-dio, una parola che incorpora Dio, come a volerlo soffocare… o a tenerselo stretto? Dio non muore, l’odiatore insiste ma non ce la fa; per questo insiste… o per altro, per trovare uno squarcio di luce? Dio è indistruttibile, gli ebrei sono odiati perché, a Sua immagine e somiglianza, nei secoli resistono. [...]

«Le streghe furono uccise per la loro bellezza, gli ebrei per la loro ricchezza. Una ricchezza spirituale che traspare dai loro occhi mai domi, dalla loro incrollabile, violenta e delicata, resistenza al sopruso. [...]

«Sigmund Freud, il più grande teologo del Novecento... [...]

«I fari del Web sono puntati sugli ebrei, neppure c’è bisogno di scendere in piazza con le kefiah in testa come si faceva nel Sessantotto, oggi i giovani vogliono stare comodi per insultare, al caldo, davanti al computer e alla birra. [...]


Citazioni tratte dall'articolo:

http://www.ilfoglio.it/soloqui/10789

venerdì 21 ottobre 2011

lezioni di economia

«Sta scritto, non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio». Ciò che sorprende in questa frase di Gesù è la novità della proposta, mai considerata dai teorici dell’interpretazione, di dedurre il significato delle parole non dalla loro espressione letterale, ma dalla bocca che le pronuncia. Quelle parole erano uscite dalla bocca di Satana; sicché per interpretarle esattamente va considerata l’ipotesi, peraltro assurda, che Cristo avesse accettato l’invito di Satana e trasformato le pietre in pane. In tal caso avrebbe potuto ben dire a Cristo: «Tu puoi mangiare pane per mio merito perché io Ti ho dato il consiglio di trasformare le pietre in pane». Quindi Cristo sarebbe stato trasformato da padrone a debitore del Suo pane.

A ben guardare questa ipotesi si verifica puntualmente nell’emissione della moneta nominale. Quando la Banca Centrale emette moneta prestandola, induce la collettività a crearne il valore accettandola, ma contestualmente la espropria ed indebita di altrettanto, esattamente come Satana avrebbe fatto se Cristo avesse accettato l’invito di trasformare la pietra in pane. Se si mette al posto della pietra la carta, ed al posto del pane l’oro, al posto di Satana la banca, si riscontrano nella emissione della Sterlina oro-carta e di tutte le successive monete nominali, tutte le caratteristiche della tentazione di Satana.

http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=59155

giovedì 20 ottobre 2011

la Sapienza in Italia oggi

Un piccolo segno per ricordare che l'aborto è omicidio:

http://www.ilgiornale.it/cronache/sacerdote_cosentino_suona_campane_morto_per_ogni_nuovo_aborto/cosenza-parroco-campane-aborto/19-10-2011/articolo-id=552519


Questa sì che è vera Sapienza! il Pontefice no, il pornoattore sì.
Ora, lasciando perdere i moralismi, ci si domanda perché nessuno abbia protestato: 1. contro uno spettacolo così degradante per un’aula universitaria; 2. contro il solito spreco di risorse per “pubblicità progresso” utili a prevenire alcunché; 3. per il palcoscenico offerto ad un attore desideroso di riciclarsi in qualche cine-panettone:

http://totalitarismo.altervista.org/totale/laicita-un-cazzo/


Assisi III incombe: ...emerge con chiarezza che ciò che solitamente si dà per scontato, ovvero che il Papa determini la direzione delle cose nella Chiesa, in realtà non lo è affatto: il Papa ritiene di poter soltanto «cercare in questa maniera di determinare la direzione del tutto». Infatti «questa commemorazione deve essere celebrata in ogni caso». Perché? Il Papa non lo specifica, ma si faccia attenzione al concatenamento del discorso: prima non smentisce affatto l’atteggiamento preoccupato dell’interlocutore, dando anzi l’idea di condividerlo; poi dipinge l’atto in questione come inevitabile anche se Lui non vi fosse andato, ovvero indipendente dalla Sua presenza, e in dipendenza da ciò è il suo andarvi personalmente per cercare di ridurre i pericoli. Dunque un atto, più che voluto, subìto. È l’interpretazione che emerge, in sede confidenziale ma per iscritto, da Benedetto XVI in persona...

http://disputationes-theologicae.blogspot.com/2011/10/per-una-caratterizzante-terza-via-anche.html

mercoledì 19 ottobre 2011

strani modi di vivere la fede

Mi giunge questo SMS: «Nel convento di [omissis] ci sono più di 40 suore ma... hanno assunto una donna delle pulizie! sono troppo occupate a fare conferenze e andare a passeggio!»


Tirchieria dei valdesi: vietato raccogliere fondi per i cristiani perseguitati...

http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/10/15/colletta-per-i-cristiani-perseguitati-i-valdesi-dicono-no/


"Questa generazione soffre la information overload" dice il cardinal Meforio Ravasi. Ed infatti apre un blog per aumentare l'overload. “Blog, attualità, esperienza personale e brevità sono le nuove buzz word della comunicazione, che cercherò di far mie”. Grandioso! Meno male che ce lo ha detto. "Blog": non lo avevamo ancora capito. "Attualità": proprio ciò che ci mancava. "Esperienza personale": siamo tutti interessatissimi. "Brevità": non ne dubitiamo. "Buzz Word"... Buzz Word? Word in inglese significa "Parola"...

http://www.paolorodari.com/2011/10/13/la-carica-dei-“blogging-bishop”-ravasi-batte-scola-due-a-zero/

martedì 18 ottobre 2011

dell'epica moderna

Mi giunge questo SMS: «I comunisti mangiano i bambini, però farebbe piacere se ogni tanto succedesse il contrario»


L’ultimo bolscevico italiano, Valentino Parlato, ha avuto il coraggio di ricordarlo sul Manifesto del 27/4/2011: «Stalin ha trovato la Russia che arava con aratri di legno e la lascia padrona della pila atomica». Ma la redazione gli ha fatto capire che tutto ciò che puzza di arcaismo gorkijano deve sparire: “i trentenni di oggi usano il mouse di Jobs, non gli rompere i coglioni con Stalin per favore”.

http://totalitarismo.altervista.org/totale/ciao-iosif-1879-1953/


Vuoi diventare Principe? Sborsa 100mila euro. Sono troppi per te? Beh, per 27.500 euro puoi diventare Conte. Se proprio non puoi permettertelo, allora con 15mila euro diventi almeno Patrizio Bizantino... (e poi ne dicono di cotte e di crude contro il Medioevo)

http://kelebeklerblog.com/2011/10/13/i-para-ordini-dei-cavalieri-di-malta-ed-elisabeth-sabaditsch-wolff-ii-vita-quotidiana-di-para-cavalieri-e-para-dame/

domenica 16 ottobre 2011

Pio XI sull'imperialismo internazionale del denaro

Citazione dalla Quadragesimo Anno di Pio XI (datata maggio 1931, a ridosso della Grande Depressione del 1929), contro il «funesto ed esecrabile internazionalismo bancario o imperialismo internazionale del denaro»:

«105. E in primo luogo ciò che ferisce gli occhi è che ai nostri tempi non vi è solo concentrazione della ricchezza, ma l'accumularsi altresì di una potenza enorme, di una dispotica padronanza dell'economia in mano di pochi, e questi sovente neppure proprietari, ma solo depositari e amministratori del capitale, di cui essi però dispongono a loro grado e piacimento.

106. Questo potere diviene più che mai dispotico in quelli che, tenendo in pugno il danaro, la fanno da padroni; onde sono in qualche modo i distributori del sangue stesso, di cui vive l'organismo economico, e hanno in mano, per così dire, l'anima dell'economia, sicché nessuno, contro la loro volontà, potrebbe nemmeno respirare».


Sempre Pio XI, nella Nova Impendet dell'ottobre 1931:

«...Parliamo della grave angustia e della crisi finanziaria che incombe sui popoli e porta in tutti i paesi ad un continuo e pauroso incremento della disoccupazione. Vediamo infatti costretti alla inerzia e poi ridotti all’indigenza anche estrema, con le loro famiglie, tanta moltitudine di onesti e volenterosi operai, di null’altro più desiderosi che di guadagnare onoratamente col sudore della fronte, giusta il mandato divino, il pane quotidiano che invocano ogni giorno dal Signore.

(...) E poiché da una parte effetto della rivalità dei popoli, dall’altra causa di enormi dispendi, sottratti alla pubblica agiatezza, e quindi non ultimo coefficiente della straordinaria crisi presente è senza dubbio la corsa sfrenata agli armamenti, non possiamo astenerCi dal rinnovare la provvida ammonizione Nostra e dello stesso Nostro Predecessore [Benedetto XV]...»

sabato 15 ottobre 2011

protestanti, massoni e finanza ebraica

L’allarme è stato condiviso anche da mons. Negri che ha tracciato la cornice culturale del fenomeno. «La mia preoccupazione – ha detto – sta nel fatto che il martirio non è causato da una semplice cattiveria, ma da una posizione culturale ideologicamente contraria alla fede. Il XX secolo è divenuto il secolo delle idee assassine, delle ideologie secondo cui l’uomo è Dio a sé stesso e chi rappresenta un’idea diversa da ciò va eliminato, anche fisicamente». «Oggi – ha osservato – a predominare è l’ideologia del progresso tecnico-scientifico e delle protestantesimo radicale arrivato a un odio feroce verso il cattolicesimo».

Si tratta, ha specificato il vescovo, «di sette protestanti che contro i cattolici mettono in campo forti strutture finanziate da ingenti mezzi economici delle logge massoniche statunitensi e della finanza ebraica».

http://vaticaninsider.lastampa.it/homepage/news/dettaglio-articolo/articolo/cristiani-perseguitati-christians-persecuted-cristianos-perseguidos-8382/


Esiste un vero e proprio allarme antipatia:
Il 44 per cento degli italiani dichiara di non provare simpatia per gli ebrei. Questo il dato più allarmante che emerge dal Documento conclusivo appena approvato all’unanimità dal Comitato di Indagine Conoscitiva sull’Antisemitismo presieduto dalla vicepresidente della Commissione Esteri della Camera Fiamma Nirenstein. Formato da 26 deputati di più estrazioni politiche, il Comitato ha posto fine a due anni di intenso lavoro con un testo, articolato in più punti e dedicato alle varie sfumature di questo fenomeno, che giunge a conclusioni inquietanti sul livello di tolleranza e apertura della società italiana. (…) “In particolare – si legge nel capitolo introduttivo dedicato ai programmi e agli obiettivi – l’indagine è stata impostata in modo da evidenziare i nuovi caratteri che tale fenomeno ha assunto rispetto a quelli tradizionali, con particolare riferimento all’odio etnico e religioso, alimentato dal fondamentalismo, e allo strumentale intreccio con l’antisionismo”. (…)

http://moked.it/blog/2011/10/11/rapporto-antisemitismo-nirenstein-dati-allarmanti/

venerdì 14 ottobre 2011

stato ''canaglia'', rifugio dei cristiani

È almeno un secolo che in Medio Oriente, quando i cristiani scappano, spesso scappano a Damasco e nelle altre città della Siria. I cristiani iracheni arrivati per scampare a violenze e persecuzioni esplose nel loro Paese impazzito sono solo gli ultimi della serie. Era già successo agli armeni che nel 1915 fuggivano dai massacri fomentati dai Giovani Turchi in Anatolia, e poi agli assiri in fuga dall’Iraq negli anni Trenta, quando il nuovo Stato indipendente aveva represso nel sangue le loro pulsioni secessioniste (eccitate dalle false promesse del precedente protettorato britannico).
È un paradosso geopolitico eloquente eppure del tutto rimosso quello per cui lo Stato finora iscritto ex officio dall’amministrazione Bush al cosiddetto “Asse del Male” risulta essere una sorta di rifugio protetto per i cristiani dell’area mediorientale.


http://www.30giorni.it/articoli_id_13019_l1.htm

giovedì 13 ottobre 2011

ohibò!

In questo articolo ci si domanda: Perché il sadomasochismo sì e la zoorastia no? Inoltre veniamo a sapere che “Vi sono molte persone che ritengono che fare sesso con il proprio animale domestico sia lecito”. A questo punto, insieme all'articolista, vorremmo chiedere: ma sodomizzare il proprio cane "non è un modo questo per dimostrare affetto per il proprio amico a 4 zampe?"

http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-no-alla-zoorastiasenza-consenso-3302.htm


Lo strano caso della omosessualista furiosa contro la realtà che contraddice le sue opinioni:

http://www.uccronline.it/2011/10/12/chiara-lalli-e-giornalettismo-discriminano-gli-ex-omosessuali-2/


Si segnala un nuovo sito web con testimonianze di ex gay, guariti dall'omosessualità:

http://www.nuovacreatura.it/

martedì 11 ottobre 2011

radicali liberi (purtroppo)

(Elenco parziale di uomini dello spettacolo iscritti al Partito Radicale): Franco Battiato, Giorgio Albertazzi, Tinto Brass, Francesco De Gregori, Edoardo Bennato, Dario Argento, Pippo Baudo, Liliana Cavani, Licia Colò, Luciano De Crescenzo, Marco Columbro, Loretta Goggi, Francesco Guccini, Sabina Guzzanti, Nino Manfredi, Michele Mirabella, Alba Parietti, Maurizio Costanzo, Ornella Vanoni, Luca Barbareschi, Gigi Proietti, Milva, Andrea Bocelli, Vittorio Gassman, Paolo Villaggio, Renato Zero, Renato Pozzetto, Renzo Arbore, Ennio Morricone, Corrado Guzzanti, Alberto Lattuada, Gianni Minoli, Sergio Castellito, Oliviero Toscani, Stefano Rodotà, Eugenio Scalfari, Gianni Vattimo, Eugenio Montale, Pier Paolo Pasolini, Domenico Modugno, Ilona Staller (in arte Cicciolina), ecc. ecc. ecc.

http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-i-mille-tentacolidei-radicali-2955.htm

Tra i sacerdoti, era don Gianni Baget Bozzo a dire «Marco Pannella in realtà è una figura interna alla cristianità italiana. Non è un politico. È un profeta. Pannella è un impolitico, non guarda al governo: vuole, attraverso la politica, riformare l'orizzonte spirituale degli uomini». Oggi, don Andrea Gallo sostiene che «Pannella è l'unico profeta laico disarmato che testimonia in difesa dei diritti civili». Gli fa eco don Antonio Mazzi - autore della trovata sull'abolizione dei seminari - che per il leader Radicale fa il presidente dei comitati pro-amnistia. Una suora, Marisa Galli, nel 1979 venne eletta deputata con i voti del Partito Radicale.

Vasco Rossi nel 2007, dopo trent'anni di tessera Radicale, dichiarò al TG1: «Marco Pannella è il mio alter ego politico»...

Quindi Marco Bellocchio ed Edoardo Bennato, Dario Argento e Pippo Baudo, Liliana Cavani e Licia Colò, e ancora Luciano De Crescenzo, Marco Columbro, Andrea Giordana, Loretta Goggi, Francesco Guccini, Sabina Guzzanti, Alessandro Haber, Nino Manfredi, Michele Mirabella, Alba Parietti, Margaret Mazzantini, Sandro Veronesi, Katia Ricciarelli, Sergio Rubini... Maurizio Costanzo fu candidato Radicale nel 1976. Poi ci sono Barbara Alberti, Ornella Vanoni, Luca Barbareschi...

Tra gli anni sessanta e settanta furono Radicali - tra gli altri - Arnoldo Foà, Stefano Rodotà, Lino Jannuzzi, Antonio Cederna, Piero Craveri, Eugenio Scalfari e Ignazio Silone. Per qualche anno anche Oriana Fallaci, Fernanda Pivano e Gianni Vattimo ebbero simpatie per loro...

domenica 9 ottobre 2011

verso Assisi III

Anche nell'ipotesi che Assisi III sia stato organizzato nella maniera più "ortodossa" possibile, molte eccellenze ed eminenze non vedono l'ora di riportarlo ai fasti dell'esecrando Assisi I (e magari anche oltre).

Ecco alcuni interventi riccamente commentati da UnaVox:


Articolo che parla di quando le mamme erano mamme non troppo snob:

http://www.cristoria.it/home/item/80-le-mamme-democristiane-e-comuniste


"E' tuttavia un fatto degno di approfondimento che opposizione a Benedetto XVI, ostilità all'antica liturgia, vanità ed esaltazione del brutto vanno di pari passo. Sarà un caso?"

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/10/mogavero-il-vescovo-che-critica-il-papa.html

venerdì 7 ottobre 2011

Rosy Bindi finirà all'inferno

"La Bindi, per esempio, si ritiene cattolica, va a manifestazione dei cattolici, ma parla e agisce come se non lo fosse e ormai credo che non sia considerabile cattolica, ha abiurato e se continua così finirà all'Inferno":

http://www.pontifex.roma.it/index.php/interviste/politici/9061-donna-assunta-rosy-bindi-andra-allinferno-cattolici-incompatibili-con-vendola-bagnasco-non-ascolti-il-gossip

giovedì 6 ottobre 2011

come si guerreggia oggi

Come si inventano le guerre:
- fase 1: si crea il caso televisivo di "emergenza umanitaria"
- fase 2: si lanciano gli appelli "umanitari"
- fase 3: si fabbricano a tavolino "rivoluzioni colorate"
- fase 4: si fanno reagire i governi
- fase 5: si fabbrica l'intervento "umanitario" di ONU e NATO
- fase 6: si caccia via il "dittatore" e si dichiara "ristabilita" la democrazia

http://www.megachip.info/tematiche/guerra-e-verita/6705-lumanitarismo-bombardatore.html


Ogni tanto Langone fa perfino ridere: chiunque sappia leggere l’italiano può verificare, recandosi in farmacia come ho fatto io, che la Akuel conferma una per una le parole di Bendetto XVI: "I preservativi non sono sicuri".


I musulmani non sapevano nulla delle Crociate... finché gli anticlericali europei non li "informarono". Imbottendoli di propaganda anticattolica:

http://www.rinocammilleri.com/2011/10/crociate-2/

mercoledì 5 ottobre 2011

...fino allo Schlussevangelium

Certi sedicenti liturgisti dicono che la centralità del Tabernacolo sarebbe stata "inventata" nel sedicesimo secolo. Non è vero. Ecco un breve articolo per sfatare il mito, zeppo di foto e date:

http://fidesetforma.blogspot.com/2011/10/sul-tabernacolo-nella-storia-oltre-le.html


Achtung: aufbau!! Breve schema delle sette fasi della Messa tridentina: cosa avviene sull'altare (colonna destra) e cosa vivono i fedeli (colonna sinistra), dallo Stufengebet allo Schlussevangelium:

http://de.academic.ru/pictures/dewiki/97/aufbau_missa_tridentina.jpg


Teologia eucaristica: in Italia si registrano undici vescovi obbedienti, quattro azzeccagarbugli, un astenuto e ben 171 disobbedienti. E poi si lamentano che uno prega in latino e chiede la messa in latino:

http://chiesa.espresso.repubblica.it/articolo/1349710

martedì 4 ottobre 2011

il pensiero debole del teologo Forte

«Martiri fascisti» come i «martiri cristiani», anzi «superiori ai martiri cristiani», perché «hanno sacrificato le proprie vite non per la promessa del Paradiso ma per difendere la Patria e l’idea, quindi senza aspirare ad alcun premio». Con questo spirito – sintetizzato dall’ex repubblichino di Salò Stelvio Dal Piaz – si è svolta al cimitero del Verano di Roma, lo scorso 25 settembre, la commemorazione dei «martiri» di Rovetta, 43 soldati appartenenti alla Legione Tagliamento della Repubblica Sociale Italiana di Mussolini, uccisi dai partigiani il 28 luglio del 1945 a Rovetta, nel bergamasco, negli ultimi giorni della seconda guerra mondiale.

http://www.adistaonline.it/index.php?op=articolo&id=50780


Drammatica testimonianza post-Fivet e post-aborto:

http://www.postaborto.it/2011/09/limmagine-del-bambino-morto-si-scolpi.html


Pensiero debole del teologo Forte: come superare il Magistero senza darlo a vedere. La Chiesa di “domani”, per Forte, “fatta di cattolici e non”, avrà un “nuovo ruolo”: togliersi dai piedi il magistero e i sacramenti…

http://www.papalepapale.com/develop/loracolo-di-chietibruno-forte-io-progressistacredo-la-chiesa-una-e-glocal/