mercoledì 20 ottobre 2021

"il Corpo della Scienza"

Alcune delle ultime vignette di Sinfest (letteralmente: "la sagra del peccato") rappresentano in modo onirico i successi della NeoReligione oggi vigente.

Nella liturgia, il celebrante - con abbigliamento da "corvo" dell'epoca della peste medievale, e le sue chierichette, amministra il NeoSacramento: "il Corpo della Scienza... il Corpo della Scienza... Accetti la Scienza come tuo Signore e Salvatore, e di non citare per danni la Chiesa ma sollevarla da ogni responsabilità per qualsiasi ferita, lesione, danno?"

La ragazza risponde: "Sì, certo! e mi date un hamburger gratis, giusto?" (cliccare per ingrandire):


Segue il resto della liturgia, la distribuzione degli snack e dei certificati di neobattesimo:


Poco dopo, fuori, un non credente rifiuta di convertirsi e il suo social credit score cala drammaticamente:


martedì 5 ottobre 2021

servilismo ed altri argomenti

A proposito del deleterio servilismo dei capi degli istituti "tradizionali", è molto utile leggere un commento di Disputationes theologicae che fa il punto della situazione ricordando anche le pecche della FSSPX:

https://disputationes-theologicae.blogspot.com/2021/09/traditionis-custodes-e-i-giochi-del.html

 


Passiamo ora a considerare le pressioni sociali da parte della Nuova Religione Obbligatoria. Citazione:

Con assoluta evidenza, la pretesa degli attuali Pastori di stabilire doveri morali in ambito sanitario è priva di qualsiasi fondamento, così come quella delle autorità civili di imporre nel medesimo campo obblighi legali che vadano oltre le necessarie precauzioni. Le raccomandazioni inviate ai vescovi dalla Presidenza della Conferenza Episcopale (senza nomi), che di fatto – andando al di là di quanto richiesto dalla normativa civile e senza il minimo supporto canonico – esige per gli operatori pastorali la cosiddetta vaccinazione, fanno inevitabilmente dubitare, nel loro stile tanto mellifluo quanto ipocrita, della buona fede di chi le ha redatte. Le dichiarazioni di singoli presuli in materia, poi, non poggiano su alcuna argomentazione accettabile sul piano della ragione, ancor meno su quello della fede. Nel leggere quei testi si ha l’invincibile impressione che siano un parto di menti offuscate o stravolte da oscure ossessioni. Il senso comune – per non parlare del sensus fidei – reagisce alla lettura con acuto disagio, se non con orrore: a cosa si è ridotta la gerarchia cattolica, un tempo maestra di verità e di vita? [...] La prova attuale è stata voluta per la correzione del traviato popolo di Dio: sia di quanti professano il cristianesimo contraffatto del postconcilio, sia di quanti rivendicano una continuità puramente esteriore e artificiosa col passato, sia di quanti han sostituito la vera fede con gli pseudovalori della cultura dominante, dimenticando ogni forma di ragionevolezza e di moralità. [...] Così, oggi, abbiamo una massa di persone, giovani e meno giovani, che si immolano sull’altare della “scienza” per non rinunciare a frequentare palestre e pizzerie, cosa che – con buona pace dei chierici giurati, di qualunque estrazione siano – non è lecita per nessun motivo, nemmeno per evitare la sospensione dal lavoro (che non è il licenziamento).

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/09/non-cedete-al-ricatto-per-nessun-motivo.html


Citazione:

Tale scandaloso asservimento dei Presuli all’infernale agenda globalista è superato solo dai recenti sproloqui ereticali dello stesso Bergoglio. [...] L’asservimento della Santa Sede e di tutti gli organi periferici alla narrazione pandemica è il pretium sanguinis di un tradimento scandaloso, che vede la Gerarchia ecclesiastica – salvo eccezioni – completamente organica al piano globalista dell’élite, e non solo sulla questione sanitaria, ma anche e soprattutto per quello che concerne il Great Reset e l’intero impianto ideologico sul quale esso si basa. Per fare ciò, essa ha dovuto apostatare la dottrina, rinnegare Cristo e disonorare la Sua Chiesa. [...] La persecuzione a cui assistiamo oggi non è diversa da quella dei decenni passati: è solo stata estesa alle masse, mentre in precedenza si focalizzava sui singoli e sulla classe dirigente – e questo vale tanto per il mondo civile quanto per quello ecclesiastico – a conferma del pactum sceleris tra deep state e deep church. Mi pare che in questa congiura il ruolo dei Gesuiti sia stato determinante, e non è un caso se per la prima volta nella Storia sul Soglio di Pietro si sia seduto un religioso della Compagnia di Gesù, in violazione alla Regola stabilita da Sant’Ignazio di Loyola.
https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/09/intervista-james-henry-e-robert.html

mercoledì 15 settembre 2021

varie

Ve le ricordate a inizio 2020 le immagini
dei cinesi che morivano all'improvviso
per quel "virus sconosciuto a Wuhan"?
"Vedremo come sarà il tracciamento dei contatti nel Nuovo Ordine Mondiale", dottoressa Chant, ministro della salute dell'Australia in conferenza stampa.
Ormai non hanno più remore a chiamarlo così:

https://twitter.com/TeabagginZombie/status/1435788193949892613


Sono stufo di parlare dei talebani della neo-religione col suo neo-sacramento obbligatorio sperimentale (e comunque mons. Viganò lo spiega meglio di me che stiamo vivendo una dittatura). Hanno voluto immolare sé stessi alla neo-salvezza, hanno immolato i propri figli al neo-Baal ("ho iscritto i miei figli alla piattaforma!... hanno fatto la seconda dose ieri!")

https://www.quotidianosanita.it/lombardia/articolo.php?articolo_id=96471


L'industria del divorzio: "chi si sposa in Italia oggi, ha il 70% di probabilità di essersi rovinato economicamente (indigenza) entro tre anni... la tetra ombra della tua ex moglie e le sue fameliche pretese rappresenteranno una storia infinita" - dal saggio economico Ti porto via tutto, presentato brevemente qui:

https://eugeniobenetazzo.com/ti-porto-via-tutto-libro-economia-divorzio/


Presentata l'istanza al cardinal Bassetti, ma tanto chi se ne frega: i pretonzoli che esigeranno il Certificato di Autoimmolazione agli Idoli dimostreranno inequivocabilmente di esser passati al nemico e di non essere più considerabili cattolici:

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/09/istanza-ai-vescovi-italiani-no-green.html


Intanto, i vescovi francesi ce l'hanno ben chiara la Priorità Assoluta: dire "basta!" alla Messa Tridentina:

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/09/visita-ad-limina-dei-vescovi-francesi.html

 

Per non dimenticare: 9 agosto 2021 su La 7, Paolo Mieli corregge la De Gregorio:

Mieli la corregge: si deve dire obbiettori, non novàcchese. Per qualche minuto all’osservatore attento si è mostrata la quinta del Truman show.

https://www.maurizioblondet.it/serpeggia-la-paura/

sabato 11 settembre 2021

il Secolo delle Panzane - promemoria a vent'anni dall'autoattentato dell'11 settembre 2001

Fra tre coppie di parentesi
si indica usualmente una certa (((etnia)))
Vent'anni fa è cominciato il Secolo delle Panzane. Ogni secolo può essere chiamato a buon diritto il secolo delle menzogne, vista la storica preminenza del Principe di questo mondo. Ma il secolo corrente ha qualcosa in più: la diffusa, religiosa, talebana convinzione nel sostenere le Panzane Ufficiali, nel credere ciecamente alla Narrativa Ufficiale, nel sentirsi moralmente e intellettualmente molto superiori a chi osa dubitare, argomentare, dimostrare.

Il Secolo delle Panzane è cominciato con l'attentato cosiddetto "islamico" dell'11 settembre 2001 (l'ultimo di una lunga serie di autoattentati). Secondo la Narrativa, il colpaccio - dall'alto sapore simbolico: le Torri Gemelle, simbolo di una famosa skyline e dei mestieri "importanti", che più potevano colpire l'immaginario collettivo americano - un pugno di beduini, fattisi notare per l'incapacità di pilotare un minuscolo aereo ad elica ad una scuoletta di volo domenicale, per la capacità di dimenticare documenti ovunque, per la capacità di scegliere un obiettivo che già da un paio d'anni era destinato alla demolizione (bonificarlo dall'amianto e rifare gli oltre 110 ascensori costava un po' troppo), avrebbero messo in scacco nientemeno che l'intera difesa americana.

Ci sono cascati anche tanti cattoliconi da salotto vista la gustosa esca del poter sputare sul Muh Terorismo Muslimslamico - che bello quando il Potere ti consente di guardare il mondo in bianco e nero (l'ennesima guerra tra buoni e cattivi). Eppure, da qualsiasi punto di vista (ingegneristico, giornalistico, finanziario, aeronautico, chimico, eccetera) le falle della Narrativa erano piuttosto grosse e numerose, come ad esempio il WTC 7 che crolla senza essere colpito, il drone che colpisce l'unica ala vuota del Pentagono, i Five Dancing Israelis, eccetera (più gli eventi successivi, come la minaccia all'Antrace spedita per lettera nientemeno a... un parlamentare dell'opposizione).

Il porcaio sta venendo lentamente a galla, visto che non è più tanto necessario mantenere il terrore del Leggendario Terrorismo. Ogni anno ci tocca qualche Nuova Narrativa Ufficiale e un nuovo barcamenarci fra i Talebani dei Neodogmi che reclamano la nostra incensazione ai loro idoli (ahinoi, nel 2021 quell'incensare consiste nel farsi bucare per il Neosacramento di Neosalvezza).

mercoledì 8 settembre 2021

così va il mondo...

Spopolano in USA adesivi e gadget "papa Francesco mi odia perché amo la Messa Tradizionale in latino", "resistete a Francesco, rimanete cattolici":


Come convinceresti i giovani ad arruolarsi nell'esercito?

  • Cina: con uno spot militarista hollywoodiano dove il soldato è pulitissimo e prestigiosissimo e ha a disposizione le tecnologie e le armi più supreme, meglio che nei filmoni americani
  • Russia: con uno spot drammatico dove il soldato è uno che vuole sfidare sé stesso e i propri limiti; per quasi tutto lo spot il soldato si prepara, si esercita, si sacrifica, per essere pronto quando sarà il momento decisivo
  • America: con uno spot cartone animato disneyano che per tre quarti del tempo parla di "matrimonio omosessuale" e che riduce la vita militare a premere un bottoncino per far partire i missili.

Dimmi che soldati vuoi reclutare
e ti dirò che guerre sarai capace di vincere:


 

I "due minuti d'odio" del presidente:

https://lanuovabq.it/it/mattarella-e-quei-due-orwelliani-minuti-dellodio


"La libertà di dire che due più due fa quattro": scena del film 1984:

https://www.youtube.com/watch?v=3lllNEhD1Bw


Il documentario che la RAI ha fatto sparire dai suoi archivi online: "Inventori di malattie" - magari lo casseranno via anche da Youtube...

https://www.youtube.com/watch?v=FSLHwhavjuk


Sito web con notizie fresche prima che le facciano sparire dai giornali:

https://esclusacorrelazione.it


C'è chi cede al ricatto, c'è chi si arrabbatta in attesa che il Grimpasso vada a rotoli, e chi invece dà le dimissioni:

https://www.totalitarismo.blog/cerco-lavoro-come-traditore-traduttore/


Per la serie Chierici Passati Al Nemico: per accedere al Sacramento della Penitenza occorre prima ricevere il Nuovo Sacramento del Vacceeeeno:

https://www.marcotosatti.com/2021/09/07/ti-confesso-se-sei-vaccinato-stupore-e-meraviglia-in-che-mondo-viviamo/

mercoledì 18 agosto 2021

delazione e spionaggio

Nella mentalità gesuitica la delazione e lo spionaggio sono strumenti per portare avanti la propria agenda:

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/08/fonti-vaticane-bergoglio-usera-un.html


Un momento! "Delazione e spionaggio"? Vi ricorda qualcosa? Sì! sono gli strumenti utilizzati per vagliare le vocazioni nei seminari del vaticansecondismo terminale:

https://lanuovabq.it/it/gogna-in-seminario-senza-vaccino-non-si-diventa-preti-1


Promemoria: il vaticansecondismo terminale semplicemente brama di omologarsi al mondo. Dopotutto:

https://lanuovabq.it/it/pandemia-ecco-la-fase-3-lodio-contro-i-non-vaccinati

sabato 14 agosto 2021

notizie dal Giappone

padre Kolbe a Nagasaki (primi anni '30)

"Oggi vi rivelo un segreto. Mi è stato promesso con certezza il paradiso dal Cuore Immacolato di Maria. Questa è la benedizione che ho ricevuto quando ero a Nagasaki". (san Massimiliano Kolbe).

https://twitter.com/tom9clnhgr5/status/1426459665550888963


ordinazioni sacerdotali
nella cattedrale di Urakami a Nagasaki (1928)


Il 9 agosto 1945 gli USA detonarono la bomba atomica a Nagasaki, proprio sopra la cattedrale di Urakami. Effetti della bomba sulla statua dell'Immacolata Concezione che posta sopra la grande croce che sovrastava l'altare:


https://twitter.com/father_rmv/status/1424685488011612163


Breve video sulla celebrazione della Messa nella (distrutta) cattedrale di Urakami, 1949:

https://twitter.com/tom9clnhgr5/status/1424383523184463875


Dopoguerra: da un vecchio documentario in bianco e nero del luglio 1966 sulla vita nelle isole Gotō (prefettura di Nagasaki), da 0:10:53 c'è uno spezzone di tre minuti sui cattolici a Messa nella chiesa di Dōzaki (costruita nel 1907). Il parroco, don Matsushita, lì da vent'anni, procede poi a dei battesimi:

https://youtu.be/9oRcBA5o3QA?t=653


Nella seconda parte del video, girata ad aprile 1968, la cattedrale di Urakami, dopo la ricostruzione:

https://youtu.be/9oRcBA5o3QA?t=3238




sabato 31 luglio 2021

la fede nel Vacceeno è più importante della fede nell'Eucarestia (per la serie: i Frutti del Concilio)

Casale Monferrato
Miracoli del vaticansecondismo terminale: come facilmente profetizzato, i chierici svendutisi al Nemico cominciano a sgamarsi da soli, esplicitamente (vorrei sperare che sia un'ideona di qualche laico autoimpegnato, ma non posso sottovalutare il donabbondismo clericale):

https://twitter.com/eterea_maeterea/status/1421056447673163777


venerdì 16 luglio 2021

gesuitismo furente: abrogato il Summorum Pontificum

È uscito oggi il motu proprio bergoglione «Traditionis Custodes».

Tale documento fa parte della strategia gesuitica di perseguitare i fedeli legati alla liturgia "tridentina" tentando di indurli a compiere gesti dichiarabili "scismatici".

Diamo qui sotto ai nostri lettori la traduzione "a caldo" dal clericalese in lingua italiana, con i commenti fra parentesi.


 

Articolo 1: i libri liturgici precedenti la rivoluzione liturgica del 1969 non sono più «espressione della lex orandi del Rito Romano». [dichiarazione del tutto arbitraria e che contraddice la bolla Quo Primum Tempore del 1570, che autorizzava "in perpetuo" la celebrazione della liturgia tridentina e che minacciava: «che se qualcuno avrà l'audacia di attentarvi, sappia che incorrerà nell'indignazione di Dio onnipotente e dei suoi beati Apostoli Pietro e Paolo»].

Articolo 2: il vescovo diocesano può vietare o limitare la liturgia tridentina nella sua diocesi. [contraddice il motu proprio Summorum Pontificum del 2007, che stabiliva che non c'è bisogno del permesso dei superiori o del vescovo, e naturalmente contraddice la Quo Primum]

Articolo 3: il vescovo diocesano deve:

  1. deve cercare ossessivamente il pelo nell'uovo (col solito metodo del reclamare fedeltà al Vaticano II e al magistero postconciliare). [gesuitismo all'opera]
  2. deve sradicare la liturgia tridentina dalle parrocchie e «senza erigere nuove parrocchie personali». [gesuitismo all'opera che si premunisce anche contro i vescovi onesti; inoltre contraddice il Summorum Pontificum che invitava esplicitamente a creare "parrocchie personali", cioè per i soli fedeli legati al rito tradizionale]
  3. deve stabilire arbitrariamente le date accettabili per le celebrazioni nella propria diocesi; nelle celebrazioni, inoltre, sarà obbligatoria la lingua italiana nelle letture. [gesuitismo all'opera; inoltre la forzatura delle letture è antiliturgica, poiché è solo nel Novus Ordo che la "liturgia della Parola" ha un carattere didattico anziché liturgico]
  4. deve nominare un solo sacerdote diocesano, latinista specializzato, per le celebrazioni, e che prenda in carico anche la cura pastorale dei fedeli. [gesuitismo all'opera che sottintende che finora chi celebrava la liturgia tridentina era un asino che non capiva niente di latino; ne approfitta anche per dare la "cura pastorale" ad un progressista sfegatato che accidentalmente celebra la tridentina]
  5. deve vietare la costituzione di nuovi gruppi di fedeli legati alla liturgia tridentina. [distillato di gesuitismo, che fa capire qual è il fumo negli occhi per l'attuale gerarchia ecclesiale]

Articolo 4: ai sacerdoti che verranno ordinati da oggi in poi è vietato celebrare la liturgia tridentina, tranne nel caso che abbiano ottenuto formale approvazione dal vescovo dietro formale e "motivata" richiesta, il quale prima di darla dovrà consultare la Sede Apostolica che ovviamente risponderà dopo le calende greche. [gesuitismo sempre più rampante]

Articolo 5: i sacerdoti che già celebrano la liturgia tridentina non possono più farlo, tranne dopo aver chiesto e ricevuto dal vescovo l'autorizzazione che si guarderà bene dal dare facilmente. [gesuitismo a tutto gas]

Articoli 6 e 7: gli istituti eretti dalla commissione Ecclesia Dei verranno torchiati e perseguitati da un altro dicastero, allo scopo di imporre loro le nuove norme.

Articolo 8: le norme, istruzioni, concessioni e consuetudini precedenti che risultino non conformi con quanto disposto dal presente motu proprio, sono abrogate. 

 


Nota: qui diciamo "Bergoglio" perché ci ha messo la firma assumendosene tutta la responsabilità, sebbene il testo ha tutta l'aria di esser stato scritto da soggetti dell'Anselmianum; e diciamo "gesuitismo" perché è la punta di diamante del modernismo, che è caratteristica fondamentale - ma non esclusiva - dei gesuiti postconciliari.

domenica 4 luglio 2021

la Nuova Religione sta conquistando il Clero Vaticansecondista

Notizie da Genova: parroco conciliare tollera chi nega i dogmi di fede ma non tollera chi non crede nella NeoReligione Obbligatoria; ci chiediamo se abbia poi esigito il PassaVerde da lettori e ministranti:

https://www.gazzettadiparma.it/italiamondo/2021/07/03/news/parrocchiano_e_no_vax_prete_nega_possibilita_letture_chiesa-6067083/


Intanto mi segnalano dal santuario di Pompei che ieri sera, primo venerdì del mese, alla Messa delle 17 (rigorosamente Novus Ordo perché la Prelatura è in mano al Modernismo), l'ultima in fila alla Comunione, una donna con una maglietta rossa, si è inginocchiata a mani giunte per ricevere la Comunione alla bocca.
Il pretino e il suo assistente si sono agitati un po' e le hanno fatto storie due o tre volte, alla fine si sono arresi, e il pretino - senza perdere quel piglio da "accontentiamo 'sta scema" - le ha amministrato la Comunione. Ma allora ai preti non costa nulla accontentare i fedeli! (il sullodato parroco parmigiano genovese non ne sarebbe stato fiero).

Riflettendo sulla dinamica dell'episodio mi vengono in mente due punti:

  • era l'ultima in fila, cioè ha dato al pretino la scusa per lavarsene pilatescamente le mani "che tanto era l'ultima"; come dice il proverbio, fa più presto il prete a trovare una scusa che la pantegana un pertuso.
  • se anziché una donna di una certa età fosse stato un uomo, il pretino avrebbe resistito con maggior furia, giacché statisticamente gli uomini son meno propensi a mollare ricche offerte al santuario; come dice il proverbio, chi pensa a male fa peccato ma indovina.

giovedì 17 giugno 2021

il Bergoglione scalcia contro la Messa tridentina

Da giovincello, a chi criticava la deriva di Giovanni Paolo II, facevo umilmente presente (senza certo giustificarla) che il successore avrebbe potuto essere peggiore.

Poco dopo giunse Benedetto XVI, e in ognuno di quei giorni del 2005-2006-2007 ci svegliavamo al mattino in attesa della liberalizzazione della Messa tridentina. Quando a giugno 2007 corse voce che era cosa fatta, prendemmo a consultare ogni giorno il sito web del Vaticano sperando di trovarvi l'attesissima sorpresa.

Infine, dopo infiniti rinvii e persino un falso allarme, sabato 7 luglio 2007 festeggiammo il Summorum Pontificum, e la mattina successiva, andai a servire la Messa delle otto bardato di tutto punto (attraversando le vie del paese in talare, fascia e saturno), che fu senza dubbio il modo più valido per far capire ai fedeli come avrebbero dovuto valutare quel motu proprio e le immancabili polemiche che ne sarebbero seguite.

La montagna aveva partorito il topolino e ne fummo persino felici perché era il primo topolino visto in controtendenza dall'inizio dell'eutanasia ecclesiale vaticansecondista.

Ci presentammo dal vescovo per fargli sapere, rispettosamente ed ossequiosamente, che ci saremmo avvalsi dei diritti (ri)stabiliti dal Summorum Pontificum. Ci ricevette solo dopo parecchi mesi - era sempre in altre faccende affaccendatissimo, poverino, pur essendo a capo solo di una piccola diocesetta scalcagnata - e ancor prima di darci il buongiorno ci ammannì un'interminabile professione di fede nel vaticansecondismo, contro le divisioni portate dai fedeli, e tutto il latinorum del caso (avrà pensato che avevamo una telecamera nascosta per pubblicare su youtube qualcosa di preconciliare che gli avrebbe rovinato la carriera?), per infine aggiornare la seduta alle calende greche, e diramare attraverso terze persone l'incarico di convertirci prima alla Novus Ordo e farci un esame di latino, propedeutici alla parziale concessione di ciò che per documento pontificio ci spettava.

Dire che in diocesi siamo stati letteralmente perseguitati per la nostra tranquilla adesione alla liturgia tridentina, it's a bit of understatement. Ogni scusa era buona per terrorizzare (clericalmente, a suon di sottintesi giulivi e sorridenti minacce) l'unico sacerdote che si era reso disponibile (dal 2007 ancora non troviamo un possibile sostituto), o per toglierci la chiesa, o per imporci orari e normative assurde, o per mescolarci con realtà liturgicamente discutibili... Era chiaro che il nemico ci voleva prendere per estenuazione.

Indi arrivò la doccia fredda delle dimissioni ratzingeriane e l'ingresso trionfale del Bergoglio. La prima cosa che ci diedero a capire i sorridenti vaticansecondisti curiali fu che i nostri giorni erano contati. La nostra fortuna fu che i gruppi Summorum, benché scarsini ovunque, avevano comunque sufficiente massa critica da non poter essere spazzati via da un giorno all'altro. Ma chiunque abbia avuto a che fare col gesuitismo gesuitogeno gesuitante conosce bene il suo trucco principale: lasciar trapelare la notizia di una catastrofe, lasciar discutere (e addirittura incoraggiare) le discussioni sull'imminente catastrofe, procrastinare ripetutamente l'arrivo della catastrofe... e alla fine, quando tutti sono almeno rassegnati alla catastrofe, creare la catastrofe che avevano pianificato sin dall'inizio.

In questo caso sono stati persino fortunati, visto che quando il gruppetto stabile era già allo stremo delle forze arrivò la nuova religionekovidiota con tutte le opportunità graditissime al modernismo gesuitico ("comunione sulle mani e coi guanti e l'igienizzazione", "Messa su youtube", "divieto di inginocchiarsi", "limitazioni drastiche dei posti in chiesa"...).

Mons. Viganò spiega meglio la situazione (triste l'epoca in cui è un isolato cardinale a dire ciò che dovrebbe invece dire il successore di Pietro):

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/06/res-novae-intervista-mons-vigano-sulla.html


Altri articoli per non dimenticare:

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/06/a-che-punto-e-il-piano-del-papa-per.html

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/06/le-restrizioni-sul-summorum-non-sono.html


Intanto, alcuni si rifugiano speranzosamente nell'idea che Benedetto XVI possa presto tornare alla riscossa come il Grande Mazinger e rimettere tutto in ordine (hanno pavidamente dimenticato che Benedetto XVI è come minimo un vaticansecondista convinto, cioè che rifiuta l'unica cura efficace: quella di mandare in soffitta il Vaticano II e la pseudoriforma liturgica; non è che si può venire a patti col tumore: va estirpato e basta):

https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/27623742/giorgianni-benedetto-xvi-mai-abdicato-bergoglio-cardinale-vestito-bianco.html

mercoledì 19 maggio 2021

per andare a Messa servirà il Green Pass Statale? (se è così, allora sarà utile per scovare i chierici svendutisi al Nemico)

Citazione:

...Il 'green pass', il certificato verde che fungerà da passepartout una volta in vigore (per spostarsi tra regioni di colore diverso, ma anche per partecipare a eventi, convegni, eventi civili e religiosi)...

https://www.agi.it/cronaca/news/2021-05-19/vaccino-green-pass-valido-15-giorni-dopo-prima-dose-12602718/

Sta' a vedere che per andare a confessarsi o a Messa servirà il "pass"... (con la tracciabilità dei partecipanti alla celebrazione, s'intende! magari anche digitale blockchain intelligenza artificiale, come usa oggi per tutte le cose importanti).

Foto a lato: il Green Pass Vaccinale della Germania (1933). Certificava l'arianità del portatore, consentendogli di andare a lavorare, a scuola, negli edifici pubblici, eccetera, ma non risultano limitazioni per le funzioni religiose.

Letturine suggerite:

https://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2021/05/cmvigano-svelare-linganno-e-i-suoi.html

https://www.totalitarismo.blog/influenza-stagionale-e-letteralmente-scomparsa/

sabato 8 maggio 2021

per ingannare, "se possibile, anche gli eletti"

Note a margine di un articolo di Chiesa e postconcilio.

Mi segnalano un'entusiasmante ricostruzione della faccendaccia delle dimissioni di Benedetto XVI, a sostegno della traballante tesi secondo cui Ratzinger sarebbe ancora l'unico vero Papa e che attraverso le proprie dimissioni avrebbe teso un trappolone alla cricca modernista dei bergoglioni:

https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/26807576/papa-benedetto-xvi-possibile-ricostruzione-piano-b-dimissioni.html

Ora, sebbene abbia l'apparenza di entusiasmante, mi lascia qualche perplessità.

La prima perplessità è che un giochetto del genere può durare al massimo un pomeriggio, è già rischiosissimo farlo durare una settimana (chi garantiva a Ratzinger che sarebbe rimasto vivo per un'altra settimana? non solo di salute personale di un ottantaseienne: certa gente - già di suo troppo suscettibile - può procurarti velocemente una "morte naturale"), siamo invece a più di otto anni (quanto crede di sopravvivere ancora Ratzinger? quale sarebbe il piano B del suo piano B? chi potrebbe autorevolmente prendere il suo posto nel momento in cui si compiano i suoi giorni terreni mentre un Bergoglio o neo-Bergoglio è ancora in sella? quante condizioni - umane e soprannaturali - devono verificarsi per la brillante riuscita del "piano"?).

La seconda perplessità è che il trappolone è troppo poco accompagnato da fatti: saremmo di fronte ad un "4D-chess" intuibile da blogger dilettanti ma non dagli addetti ai lavori (amici e nemici)? Dopotutto Benedetto XVI conservava un minimo di libertà e in tanti momenti sarebbe bastato proferire un monosillabo a favor di telecamere per dare irrimediabili stangate ai modernisti. Al debole seppur benemerito Summorum Pontificum, ad esempio, sarebbe bastato il suggello di poche parole per centuplicarne la portata. O figuratevi cosa avrebbe scatenato la pubblicazione di una foto celebrando in Vetus Ordo. E invece... La tifoseria ratzingeriana, mossa quasi esclusivamente dal cristiano disagio per le bergoglionate, può solo crogiolarsi in questo sogno di "4D-chess" nella pia attesa di un colpo di scena come quelli dei finali dei film.

La terza perplessità è che comunque vadano le cose, si sarebbe trattato pur sempre di un ingannare tutti i fedeli (fedeli in buona fede) per ottenere un risultato. Suona un po' come un'azione malvagia intrapresa per un fine buono. È una responsabilità un po' troppo grossa da prendersi, vi pare? Per giustificarla si dovrebbe ipotizzare qualcosa di enorme (un'apparizione celeste che gli dica di operare un colossale inganno ai fedeli?) per convincere un ottantaseienne (oggi 94 passati) a fare un grosso piano a lungo termine per vederne - o almeno dirigerne - la riuscita.

Promemoria: in quel fatale 2013, con la data "Febbraio 2013", circolò da fine gennaio il numero speciale di Chiesa viva completamente dedicato a Ratzinger pontefice regnante. L'autore, don Luigi Villa, venne a mancare proprio mentre concludeva la stesura del numero, nel novembre precedente. Anche ostinandosi a rifiutare gran parte della disarmante quantità di indizi (Villa intravede simboli massonici un po' dappertutto), restano troppe ombre sul "Papa emerito" e vaticansecondista non troppo indigesto. La riuscita del Grosso Piano "Trappolone" implicherebbe che la Chiesa che rinascerà sarà... vaticansecondista-compatibile.

http://www.chiesaviva.com/457%20mensile.pdf
Biografia dettagliata di don Luigi Villa:
http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV370_Don_Luigi_Villa.html

Quanto sopra valga perciò come invito alla prudenza e al non autoridursi a tifoseria. Come diceva don Curzio, anche se ci sono ragioni per sostenere soggetti come Ratzinger, Trump, eccetera, non significa che costoro siano la salvezza della Chiesa.

Benedetto XVI in preghiera con i musulmani

venerdì 7 maggio 2021

chi ha inventato la razza bianca?

La Nazione dell'Islam (NOI) è un'organizzazione religiosa fondata negli anni '30 e concentrata principalmente a Chicago. Le sue divinità consistono di uomini mortali di colore, ognuno chiamato Allah. Secondo il suo credo, il primo Allah ha fondato 66 trilioni di anni fa la Tribù di Shabazz, composta di uomini di colore che migrarono in Africa centrale e furono un popolo altamente tecnologico: da tale tribù sarebbero successivamente nate tutte le razze, tranne la razza bianca.

Secondo un famoso discorso del 1962 di Malcolm X, Shabazz volle portare la tribù in Africa per potenziare i suoi uomini mediante una vita dura e rude, ma non tutti lo seguirono.

Yakub (talvolta trascritto Yacub o Yaqub) era uno scienziato di colore vissuto sull'isola di Patmos 6600 anni fa e che inventò la razza bianca attraverso una forma di selezione genealogica e il metodo dell'innesto. Sebbene la sua storia sia oggetto di controversie nella NOI, la sua figura viene indicata come coincidente col biblico Giacobbe e consistente con le conoscenze scientifiche attuali.

(fonte: wikipedia; nella foto: l'attuale leader del NOI, in abiti formali tipici della razza bianca)