sabato 16 giugno 2018

quel che i giornali cattolici non osano scrivere

Quel vescovo pedofilo ha accolto preti pedofili? indovinate quale entità "ecclesiale" proteggeva tale allegra combriccola:

https://neocatecumenali.blogspot.com/2018/06/ferrovia-sotterranea-neocatecumenale-per-i-predatori-sessuali.html


E se andate in parrocchia, pregate sempre che non venga infettata dal Cammino - che anzitutto sostituirà brutture moderne con ancor più orripilanti brutture neocatecumenali:

https://letteremeridiane.blogspot.com/2018/06/salviamo-il-crocifisso-risorto-di-fra.html

venerdì 15 giugno 2018

American, oh, yeah, American...

Notizia 1: Scenario tipico delle università americane:
  • toilettes "multi-gender" e aree designate per fare wuḍūʾ (il rituale lavacro islamico da effettuarsi prima di un atto rilevante sotto il profilo della sharia)
  • corsi di laurea [sic!] in WGSR (Women, Gender, Sexuality, Race)
  • interi plessi dedicati agli Studi sulla Diversità
  • gruppi anti-bianchi (generalmente composti da neri)
  • le macchinette distributrici di merendine sempre fornite di hummus (neanche sapevo cos'era: ho dovuto chiedere a Wikipedia)
  • all'atto dell'iscrizione vengono chiesti ad ognuno "i suoi pronomi", che vengono poi timbrati sui tesserini degli studenti, in modo che chiunque - a partire dal personale docente e non docente - possa usare i pronomi (maschili, femminili, neutri) scelti dallo studente
  • i corsi di lingua straniera - 4 semestri minimo sono obbligatori - sono tenuti da docenti che non parlano fluentemente inglese.

Notizia 2: Per i settant'anni dell'esistenza dello stato di Israele, e in vista dei meriti per la ricostruzione del Tempio di Gerusalemme (nel quale intendono eseguire il Sacrificio secondo l'Antica Alleanza, quello abolito), il Centro Educativo per il Sinedrio e il Mikdash (il Tempio) ha emesso una moneta con... uh... il presidente Trump:

https://www.breakingisraelnews.com/105767/new-special-edition-temple-coin-minted-for-israels-70th-anniversary-the-end-of-the-exile/

Accanto alla faccia di Trump c'è quella del re persiano Ciro, che facilitò la costruzione del Secondo Tempio col quale terminò l'esilio babilonese nel 538 avanti Cristo. Il rabbino capo del Sanhedrin e Mikdash ha detto che l'agenda politica di Trump avrà successo solo se orientata a costruire il Terzo Tempio, e che non dovrà favorire nessuna "soluzione a due stati" (Palestina/Israele) altrimenti ciò significherà la caduta di Trump.

Tale moneta commemorativa d'argento è in vendita a 50 dollari comprensivi della donazione per la ricostruzione del Tempio.


Avevamo tutti scommesso su Trump - l'alternativa era la presidentessa abortista e guerrafondaia. E ora ci ritroviamo questo.

giovedì 14 giugno 2018

varie

Sacrifici umani a satana, cioè aborti:

http://www.postaborto.it/2018/06/sedicenne-costretta-ad-abortire.html


Non date l'Otto Per Mille all'Ufficio Affari Anche Religiosi del Piddì:

https://www.corrispondenzaromana.it/la-dichiarazione-dei-redditi-e-il-problema-dell8x1000-alla-cei/
 

Finalmente in arrivo il primo attentato islamico all'Italia! Il c.d. "terrorismo islamico", che in tutti questi anni non ci aveva mai cagato neppure di striscio, improvvisamente prenderà a cuore la guerra dei dazi e la questione delle sanzioni alla Russia:

https://www.maurizioblondet.it/macron-ci-trova-vomitevoli-attenti-allattentato-contro-salvini/
 

Certe volte non c'è bisogno di un esorcismo ma solo di una buona telecamera. Non era un poltergeist ma solo un ladro ben munito:

http://cabinetmagazine.org/issues/58/manaugh.php


RadioSpada ce l'ha giustamente contro le «porno-spose che al “vedo-non-vedo” hanno sostituito il “vedo-praticamente-anche-l’ecografia-addominale”», dimenticando di notare che la scienza perduta dell'esaltare la femminilità senza indulgere all'esibizione era strettamente legata al giungere casti al matrimonio. Chi non esalta la virtù finisce inevitabilmente per apparire moralista ("ommioddio coprite le cosce!"):

https://www.radiospada.org/2018/06/spadafashion-fiori-darancio/


Sempre RadioSpada, stavolta colta a leccarsi i baffi mentre pubblica un elenco di personalità sedevacantiste:

https://www.radiospada.org/2018/06/ai-piedi-del-trono-vuoto-policentrismo-sedevacantista-una-mappa/


Dalla pagina vale la pena rivedere l'epico video (le prime poche decine di secondi) in cui don Floriano consegna meritatamente alle fiamme il Concilio Vaticano II:

https://youtu.be/uyAzvHPirGc


In inglese: origini gesuitiche del comunismo:

https://thejesuitcontinuumomegapoint.blogspot.com/2014/06/jesuit-origins-of-communism-part-1.html


In inglese: gesuitismo e finanza globale:

https://thejesuitcontinuumomegapoint.blogspot.com/2014/06/the-jesuits-and-global-finance-system.html


In inglese: avvocati divorzisti con la pistola nel cassetto, perché non si può mai sapere:

https://www.nbcnews.com/news/us-news/dangers-divorce-law-attorneys-pack-pistols-install-panic-buttons-n881451

mercoledì 13 giugno 2018

quarantasettemila apparizioni false

Monsignor Peric se la prende innanzitutto con la figura “ambigua” che sarebbe apparsa e scrive: “si comporta in modo del tutto diverso dalla vera Madonna, Madre di Dio, nelle apparizioni riconosciute finora come autentiche dalla Chiesa: di solito non parla per prima; ride in maniera strana; dopo certe domande scompare e poi di nuovo ritorna; obbedisce ai ‘veggenti’ e al parroco che la fanno scendere dal colle in chiesa sebbene controvoglia. Non sa con sicurezza per quanto tempo apparirà; permette ad alcuni presenti di calpestare il suo velo steso per terra, di toccare la sua veste e il suo corpo. Questa non è la Madonna evangelica”.
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/medjugorje-monsignor-peric-false-47-mila-apparizioni-mariane-1536517.html

mercoledì 6 giugno 2018

Quella lettera che Negri non scrisse.

Avrebbe potuto scriverla: non lo fece. Tanti altri vescovi avrebbero potuto scriverne una simile. Il papa promulga, la questione è scottante: il vescovo ottempera subito e si cava d'impiccio a costo zero. Rendendo felici i tradizionalisti e senza far infuriare il clero modernista. Tranne i presbiteri intenzionati a far guerra a prescindere: ma tanto l'hanno fatta lo stesso.
Ecco il testo della lettera. I nomi sono di fantasia. Anche quello di Negri. Sarebbe stato fantastico.
Diocesi di San Marino - Montefeltro

Ai Presbiteri
- Loro Sedi -

Prot. n. 7/07


Carissimi fratelli nel presbiterato,

stamattina, 7 luglio 2007, papa Benedetto XVI ha inviato la lettera apostolica motu proprio Summorum Pontificum con la quale ha stabilito che «è lecito celebrare il Sacrificio della Messa secondo l’edizione tipica del Messale Romano promulgato dal B. Giovanni XXIII nel 1962 e mai abrogato» (art. 1) ed in particolare che «la celebrazione secondo il Messale del B. Giovanni XXIII può aver luogo nei giorni feriali; nelle domeniche e nelle festività si può anche avere una celebrazione di tal genere» (art. 5 § 2); inoltre, «per i fedeli e i sacerdoti che lo chiedono, il parroco permetta le celebrazioni in questa forma straordinaria anche in circostanze particolari, come matrimoni, esequie o celebrazioni occasionali, ad esempio pellegrinaggi» (art. 5 § 3).

Dopo aver ricevuto telefonicamente la disponibilità di don Federico, parroco di Sant'Agata Feltria, don Claudio, parroco di Montecerignone, e don Sante, parroco di Secchiano, ed in particolare alla luce degli artt. 7, 8, 9, 10, stabilisco quanto segue:

1) nelle rispettive parrocchie, i tre menzionati parroci celebreranno ogni giorno una Messa secondo il Messale Romano promulgato dal B. Giovanni XXIII nel 1962 e mai abrogato; gli uffici diocesani e tutti i parroci della diocesi segnaleranno ufficialmente tali celebrazioni ai fedeli desiderosi;

2) per le richieste riguardanti Battesimi, Matrimoni, Riconciliazione, Unzione degli Infermi, Confermazione, nonché Esequie e Prima Comunione, i parroci che non sono in grado di garantire la celebrazione con l'antico e «mai abolito» rito, concedano il permesso per una delle tre summenzionate parrocchie, previa disponibilità del rispettivo parroco, al quale il fedele si rivolgerà anche per l'eventuale corso di preparazione;

3) nessun sacerdote è obbligato a celebrare in una forma o nell'altra: pertanto i parroci che intendano passare a celebrare esclusivamente secondo l'antico rito «mai abrogato» e che non siano in grado di garantire le Messe di orario della parrocchia devono rimettere l'incarico al vescovo;

4) in qualità di ordinario ritengo opportuno erigere qualche parrocchia personale (art. 10 del Summorum Pontificum) non appena ci sarà la disponibilità di qualche presbitero;

5) in qualità di ordinario ritengo accettabile la formazione al sacerdozio di candidati esclusivamente legati al rito «mai abrogato», incluso il conferimento dell'Ordine Sacro secondo lo stesso rito, alla ovvia condizione che non considerino invalido il Novus Ordo.

Nella lettera ai vescovi in occasione della pubblicazione del Summorum Pontificum Benedetto XVI ha lamentato che «notizie e giudizi fatti senza sufficiente informazione hanno creato non poca confusione». Invito i fratelli nel presbiterato a leggere e meditare tale lettera - per il momento disponibile solo sul sito web della Santa Sede - al fine di favorire quella «riconciliazione interna nel seno della chiesa» che il Papa tanto desidera: «Ciò che per le generazioni anteriori era sacro, anche per noi resta sacro e grande, e non può essere improvvisamente del tutto proibito o, addirittura, giudicato dannoso.»
Questa lettera è un falso. Un puro divertissement. Dolceamaro.
Pennabilli, 7 luglio 2017
devotissimo in Xto
+ Luigi Negri

domenica 3 giugno 2018

Contro la vulgata di "più asili nido per tutti"!

Sul Settimanale diocesano di Trieste "Vita Nuova" è stato pubblicato un coraggioso articolo "contro gli asili nido". Alla vulgata dominante, l'Autore, il Sacerdote e teologo don Samuele Cecotti, risponde ricordando l'ordine naturale delle cose: i figli debbono essere accuditi ed educati dai genitori!!!

Fa piacere, in questi tempi di Chiesa trasformata in Ufficio affari religiosi del PD, leggere su un Settimanale diocesano simili articoli.


mercoledì 30 maggio 2018

tentazioni sedevacantiste nella Resistenza?

Uh-oh... malumori nella Resistenza?

La Sapinière riporta che è stato annullato un pellegrinaggio mariano a Le Puy-en-Velay e lancia una feroce illazione: la vera motivazione comincerebbe dal fatto che mons. Williamson in un paio di omelie avrebbe affermato che non si sa se «Francesco è papa... Dio solo lo sa»:
Lors de son sermon, à deux reprises, Mgr Williamson affirma ne pas savoir si « François était pape… Dieu seul sait.
La Sapinière calca la mano e suggerisce che Williamson (già fin troppo nel mirino, per cui suona strano pensare che si conceda scivoloni) userebbe "due pesi, due misure" e ammiccherebbe ai preti della Resistenza sospettabili di "sedevacantismo" (già gli abbé Pinault, Rioult, Ringrose, celebrerebbero non una cum, cioè omettendo il nome del Papa dal canone della Messa, come in caso di sede vacante). E suggerisce con un pizzico di perfidia che questa potrebbe essere solo la punta dell'iceberg.

lunedì 28 maggio 2018

procreazione sintetica: gli apprendisti stregoni

Citazione:
Agitarsi solo contro l’aborto nel tempo delle catene di montaggio dell’uomo artificiale e dei suoi pezzi di ricambio è una battaglia di retroguardia pura, un po’ come discutere di cavalli e di carrozze quando le autostrade sono solcate da veicoli elettrici a guida autonoma, e i cieli da jet supersonici. O come, mentre la casa va a fuoco, pensare a mettere lo yogurt in frigo. [...]

La vera strage di embrioni – ma questo non è certo l’unico tema in gioco – non la fa più la legge democristiana 194: la fa la legge 40, ossia quella con la quale lo stato simildemocratico e la chiesa ex cattolica uniti sdoganavano una volta per tutte, nel 2004, la fecondazione artificiale. Che significa la riproduzione umana su scala industriale, al di fuori del disegno della creazione di Dio.

Diligenti interpreti del modello di Overton, i vescovi hanno preso in carico ciò che era impensabile, cioè l’uomo concepito in laboratorio da apprendisti stregoni...

https://www.riscossacristiana.it/dopo-la-legge-194-e-la-legge-40-si-prepara-linvasione-finale-e-i-cattolici-non-hanno-niente-da-mettersi-di-elisabetta-frezza-e-roberto-dal-bosco/

domenica 27 maggio 2018

abortismo e affini

Citazione:
La richiesta della [deputata Susanna] Agnelli, ovviamente, si univa a quella della deputata radicale Emma Bonino. È profondamente ingiusto vedere come oggi il mondo pro-life si scagli quasi unicamente contro la radicale che praticava gli aborti con la pompa da bicicletta e non contro l’infanta industrialista.
https://www.riscossacristiana.it/fiat-aborto-la-famiglia-agnelli-dietro-le-quinte-della-legge-194-di-roberto-dal-bosco/

 

sabato 26 maggio 2018

i giornali tacciono sul referendum irlandese

L'Irlanda ha perso la fede ed è diventata abortista, giusto?

Come mai i giornali non festeggiano?

Come mai il parroco non ne ha parlato oggi all'omelia?

Come mai il Bergoglio all'Angelus non vi ha fatto cenno?

Dove andremo a finire?

venerdì 25 maggio 2018

“Nella Chiesa tutti sanno e tutti tacciono, e così sono tutti complici. Bergoglio era al corrente della denuncia. Questo è l’impegno di Bergoglio: solo a parole”



Il giornale spagnolo "Publico" ha pubblicato la testimonianza di una donna argentina, Beatriz Varela, che dopo quasi undici anni ha ottenuto dalla magistratura argentina una sentenza senza precedenti, che ritiene responsabile la Chiesa argentina negli abusi commessi da un sacerdote nei confronti di suo figlio, Gabriel, che all'epoca aveva quindici anni. Beatriz Varela nella sua testimonianza chiama direttamente in causa Jorge Mario Bergoglio, all'epoca arcivescovo della capitale.
La Camera di Appello del municipio di Quilmes, in provincia di Buenos Aires, ha confermato la sentenza di un tribunale che nel dicembre scorso condannò la diocesi al pagamento di 155.600 pesetas (più di 23mila euro) per le spese in trattamento psicoterapeutico e per danni morali provocati al ragazzo e a sua madre.
I fatti si riferiscono al 15 agosto 2002. Beatriz Varela invitò a casa sua il sacerdote Ruben Pardo, di 50 anni, affinché istruisse i suoi due figli maschi sui precetti religiosi. Secondo quando racconta il giornale argentino Pagina 12 il sacerdote chiese poi alla madre il permesso di far passare la notte a Gabriel nella Casa di Formazione in cui risiedeva per continuare nel dialogo e fargli servire messa il giorno seguente.
Gabriel ha poi raccontato ai gIudici che il prete lo invitò a dormire con sé, un gesto che il ragazzo ha interpretato come un'attitudine paterna. Il prete ne ha approfittato per abusare sessualmente di lui. "Sapevo che mi stava violentando, però non riuscivo a pensare che cosa potessi fare per evitarlo, perché avevo molta paura ed ero choccato". Il prete si addormentò, e Gabriel corse a casa e confessò l'accaduto a sua madre.
Beatriz Varela andò immediatamente a parlare con il vescovo di Quilmes, che dopo la costernazione iniziale non diede l'impressione di voler fare nulla; cercò di minimizzare il fatto, parlando di comprensione e di momenti di debolezza. Varela che lavorava in una scuola della diocesi, fu sottoposta a pressioni, ma continuò. "Bergoglio era al corrente della denuncia. Il suo è un impegno solo a parole".
Varela si rivolse al tribunale ecclesiastico, "Il cui presidente non voleva accogliere la denuncia", e dove in seguito fu sottoposta da parte di quattro sacerdoti a a "Un interrogatorio umiliante, con domande lascive e tendenziose", e questo nonostante che il responsabile avesse confessato al vescovo. Beatriz Varela andò poi alla curia metropolitana, residenza dell'arcivescovo, che era Bergoglio, da dove però fu espulsa dal personale della sicurezza. Nella cattedrale, adiacente alla curia, scoprì che il prete abusatore era stato alloggiato in una casa della Vicarìa del bario di Flores, dipendente dall'arcivescovado di Buenos Aires. Varela è molto amara: "Nella Chiesa tutti sanno e tutti tacciono, e così sono tutti complici. Bergoglio era al corrente della denuncia. Nessuno si installa in un vicarìa senza l'autorizzazione dell'arcivescovo. Questo è l'impegno di Bergoglio: solo a parole", attacca Betariz, che accusa in generale la Chiesa argentina di fare poco o nulla per impedire gli abusi, e cita altri casi, attuali, in cui sacerdoti accusati di abusi sono ancora al loro posto a contatto con i giovani. Il sacerdote che abusò di suo figlio morì di AIDS nel 2005.
(Marco Tosatti)

giovedì 24 maggio 2018

un astrologo in Radio Spada, proprio quello che ci mancava


Citazione:
Se non lo avessi letto coi miei occhi, non avrei mai creduto che in sito cattolico fosse possibile una così sfacciata difesa dell’Astrologia e persino di un Teosofo, con correlative ingiurie alla Chiesa e al suo Magistero. Ancor meno comprendo come la pubblicazione di Radio Spada non abbia suscitato scandalo e reazioni proporzionate, ma sia passata inosservata. Nessuno ha gli occhi per vedere?

http://www.sodalitium.biz/un-astrologo-radio-spada/



mercoledì 23 maggio 2018

varie


Quando la Civiltà Cattolica rappresentava degnamente entrambe le cose che porta nel nome, pubblicava articoli sull'empietà rivoluzionaria come questo del rev. p. Taparelli d'Azeglio: Non musulmani ma selvaggi:

http://progettobarruel.hostfree.pw/novita/18/Taparelli_Selvaggi.html


Toh, ma guarda: erano "cose non vere" quelle accuse contro i collaboratori di padre Manelli. Ma allora perché e per conto di chi sono state dette?

http://www.marcotosatti.com/2018/05/22/ffi-la-grande-accusatrice-offre-scuse-formali-ha-scritto-cose-non-vere-sui-laici/


Successone della marcia contro l'aborto, ed ovviamente i telegiornali hanno fatto di tutto per non parlarne (poi c'è sempre il pirla che si lamenta che non li segui: "ma tu non segui le Notizie? non ti Tieni Informato?"):

https://www.corrispondenzaromana.it/marcia-per-la-vita-un-fiume-umano-per-le-vie-di-roma/