martedì 29 agosto 2017

"scarta ogni possibilità di regolarizzazione canonica"

Citazione dagli statuti della Società degli Apostoli di Gesù e Maria (SAJM) eretta dal vescovo Jean Michel Faure un anno fa:
«Dopo il concilio Vaticano II, il Santo Sacrificio della Messa, la dottrina cattolica e tutta la vita della Chiesa vengono attaccate dalla gerarchia liberale e modernista. Dal momento che il sacerdote cattolico ha il dovere di combattere il liberalismo e il modernismo in difesa dei diritti divini violati, la Società scarta ogni possibilità di regolarizzazione canonica a mezzo di accordo bilaterale, riconoscimento unilaterale o altra possibile maniera, fintanto che la gerarchia cattolica non sia ritornata alla Tradizione della Chiesa»
http://www.unavox.it/Documenti/Doc1070_Intervista_Mons-Faure_22.8.17.html

La sede della Società è posta al n° 1 dell'avenue de la Petite Garde, 40240 Avrillé, Francia.



A chi sembrasse esagerato, consiglio questo articolo:

http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV2095_Mattane_agostane.html

lunedì 28 agosto 2017

scaramanzie bergogliane

Papa Bergoglio dice: «la riforma liturgica è irreversibile».

Un po' come Draghi che dice «l'euro è irreversibile» in mezzo alle peggiori tempeste finanziarie.

Se hanno sentito il bisogno di fare simili affermazioni, vuol dire che si sentono minacciati...

https://www.avvenire.it/papa/pagine/il-papa-la-riforma-liturgica-e-irreversibile


Aggiornamento: la risposta a quell'affermazione bergogliana è arrivata in uno di quelli che le compagnie assicurative solitamente chiamano "atti di Dio". A Malta è crollato il tetto di una antica chiesa, fracassando senza pietà il tavolone Novus Ordo della Riforma Liturgica Irreversibile con tutti i suoi ammennicoli:


domenica 27 agosto 2017

Allah akb...no, aspetta un momento...

Il soggetto qui sotto, abbigliato come un ufficiale militare occidentale e che brandisce un paio di strani fucili a pompa (parrebbero dei Remington 870 con canna corta e senza calcio) con ridicola trigger discipline:
  • è un santone Sikh con sessanta milioni di seguaci
  • è stato condannato recentemente per aver stuprato due seguaci
  • alla notizia della condanna ci sono stati dei tafferugli con 39 morti
  • ha prodotto un film su sé stesso (Messenger of God) in cui è ovviamente regista e protagonista
  • tiene concerti e canta


Il resto è qui:

http://kelebeklerblog.com/2017/08/26/il-dio-hipster-e-il-trionfo-del-multiculturalismo/

lunedì 21 agosto 2017

veganismo e Scritture

Dagli Atti degli Apostoli, capitolo 10:
[11] Vide il cielo aperto e un oggetto che discendeva come una tovaglia grande, calata a terra per i quattro capi.

[12] In essa c'era ogni sorta di quadrupedi e rettili della terra e uccelli del cielo.

[13] Allora risuonò una voce che gli diceva: "Alzati, Pietro, uccidi e mangia!".


domenica 20 agosto 2017

finalmente in arrivo l'attentato all'Italia

Questa pagina è dedicata a coloro che confondono "cattolicesimo" con "essere ad ogni costo contro l'islam".

Gioiscono i giornalisti italiani: finalmente anche l'Italia potrà vantare di aver subìto qualche "attentato islamico".

Ce lo conferma il Site del Katz [cognome -ehm- (((j)))], famoso per essere il principale fabbricante della Narrativa Ufficiale che viene venduta (non per modo di dire) ai media:

http://www.maurizioblondet.it/rita-katz-minaccia-litalia/
«...Sicuramente sono pronti i terroristi. Sono pronti i passaporti da lasciare sul furgone e sull’auto, ormai una firma. Il passaporto intatto di un dirottatore che attraversò intatto l’inferno di fuoco delle Twin Tower. Il documento dimenticato di fratelli Kouachi il giorno della strage di Charlie Hebdo. Un SMS rivelatore delle identità dei terroristi trovato nella memoria di un cellulare intatto gettato dai terroristi in un bidone della spazzatura presso il Bataclàn. Il documento d’identità trovato sul camion della strage di Nizza. Il documento d’identità lasciato sul camion della strage di Natale a Berlino, che ha consentito di identificare senza ombra di dubbio il terrorista Abu Amri, immediatamente dopo trucidato da due eroici poliziotti a Sesto San Giovanni. Ed ora documenti d’identità a iosa che identificano gli stragisti della Rambla...»
Intanto veniamo a sapere che è Israele ad avere il potere di impedire «un'altra migrazione di massa in Europa»:

http://www.maurizioblondet.it/rabbino-barcellona-leuropa-perduta-dice-netanyahu/


A proposito di immenso potere: il (((j))) che funge da ghost-writer per Trump ha scritto sul JewsNews che Trump si dimetterà entro la fine del 2017:

http://www.maurizioblondet.it/sintomi-guerra-civile-americana-2-0/

sabato 19 agosto 2017

la Narrativa Ufficiale ci dice che...

Ogni volta che la radio propina la Narrativa Ufficiale annunciando l'ennesimo "attentato islamico", mia madre mi guarda pensosa e io sbadigliando le dico: sono stati gli americani.

Foto 1: siccome gli esplosivi costano, i cinque attentatori di Cambrils avevano preparato cinture esplosive finte (roba che neanche in India!), proprio come i tre del ponte di Londra due mesi fa. Peccato che i cinque più tre siano stati ammazzati tutti e non possano spiegare i motivi di tanta brillante economia:


Foto 2: un terribile attentatore islamico conturbante ma senza turbante, si presenta in versione jihad su Facebook (vedi anche la pagina: Pericolo Islamico); la polizia è riuscita ad ammazzarlo:


p.s.: il 1° ottobre in Catalogna c'è un referendum indipendentista; come al solito gli attentatori "islamici", non volendo, hanno dato una mano all'establishment.
(Nota: dato che la Lega è stata secessionista solo a parole, e dato che l'Italia conta come il due di bastoni quando briscola è coppe, qui un "attentato islamico" ancora non s'è visto, nemmeno con le bombe della foto 1).

Ma i kattolici di oggi sono pronti alla singolar tenzone! Compulsano libri e articoli sul cosiddetto "terrorismo islamico" notte e giorno, mettono Like a tutta forza su ogni vignetta "respingiamo i muslimslamici" su Facebook, si fregiano di altisonanti nickname sui forum e sui blog ("Vandea", "Lepanto", "Marco d'Aviano"...), riempiono la propria bacheca Facebook di immaginette "l'islam non passerà!" (sottinteso per gli altri: armatevi e partite), e quando vanno in giro hanno paura non di drogati, rapinatori, stupratori, malviventi, guidatori distratti, controllori di biglietto, ma di facce dai tratti orientali che in quanto tali possono dire "Allàh Akbar!" e far esplodere le proprie cinture come quelle della foto 1.
Nota: la vittoria di Lepanto arrivò a suon di rosari e di confessioni ben fatte. Dato che il Popolo Cattolico li ha sostituiti coi Like su Facebook, abbiamo avuto come punizione un Bergoglio: almeno di quello riusciamo a vergognarci...

venerdì 18 agosto 2017

giovedì 17 agosto 2017

chiesa-giocattolo

Eccezione unica nella politica LEGO di non produrre giocattoli a tema religioso, il set 309, prodotto tra il 1958 e il 1960, e ispirato alla chiesa di Give (paesetto nel centro della Danimarca):

http://itlug.org/forum/topic/6250-il-set-309-la-chiesa/


La chiesa originale di Give è stata costruita nella seconda metà del 1100, passata quindi agli eretici protestanti già prima del 1580 (che provvidero subito il tavolo al posto dell'altare).

sabato 12 agosto 2017

papa Parolin

Bidonati Meforio Ravasi, Scola, e altri pretendenti al trono: la curia romana sta preparando Parolin come successore di Bergoglio:

http://www.antoniosocci.com/cosa-ce-dietro-lirritazione-vaticana-larticolo-sul-dissidio-bergoglioparolin/


C'è un utile articoletto riassuntivo con la figuraccia di mons. Becciu:

http://www.antoniosocci.com/vaticano-mi-scrive-bergoglio-parolin-concordi-fatti-dicono-lopposto/


Per chi ha tempo: «Da qualche anno Repubblica sembra una confraternita papolatrica che celebra la religione dei bergogliani...»

http://www.antoniosocci.com/clamoroso-scalfari-attacca-pesantemente-gli-atei-augias-contrattacca-repubblica-scontro-grave-non-serio/



venerdì 11 agosto 2017

alcolismo nella Russia pre-sovietica

Ekaterina II "la grande", imperatrice di Russia fino al 1796, soleva dire che «Un popolo ubriaco si governa meglio». Del resto già Pietro I "il grande", imperatore di Russia fino al 1724, aveva ordinato che venissero frustate le mogli scoperte a tirar fuori i mariti alcolizzati dalle taverne (l'alcool è sempre stato fonte di guadagno per lo Stato).

Vasili Maximov, Proprio come fanno gli adulti, 1864. Ragazzino imita di nascosto il padre alcolizzato.

Nick Orlov, Benedizione di un negozio di vodka, 1904.

Vladimir Makovsky, Benedizione di un bordello, 1900. Probabilmente fantasioso, ma basato sul fatto che il clero ortodosso era facilmente comprabile con buone offerte e -come si vede nel dipinto- con parecchie bottiglie di vodka.

(vedi anche: stampe russe dei primi del '900 contro l'alcolismo)

Nel 1913, appena quattro anni prima della rivoluzione d'Ottobre, lo stipendio mensile di un operaio valeva l'equivalente di 80-100 litri di vodka. Anche nell'epoca sovietica, nonostante Lenin e nonostante le successive campagne di moralizzazione, lo Stato incamerava parecchi soldi dal commercio degli alcoolici (negli anni '70 costituivano pressappoco un terzo delle entrate statali), cosa che ne ha fatto crescere un'immensa attività di fabbricazione e commercio clandestini.

Ancor oggi l'alcool è una piaga russa, sebbene - secondo stime dell'OMS - "solo" un russo su cinque muore per cause legate all'alcolismo.

martedì 8 agosto 2017

diversità sessuali e razziali

Per chi se lo fosse perso, ecco l'istruttivo documento di dieci pagine (costatogli il licenziamento) di quell'ex dipendente di Google che ha osato scrivere che sì, ci sono differenze tra uomini e donne e tra razza e razza, e che quelle che vengono chiamate "discriminazioni" sono in realtà conseguenze di tali differenze. Vale la pena di leggerlo per intero:

https://assets.documentcloud.org/documents/3914586/Googles-Ideological-Echo-Chamber.pdf


Il documento è lungo solo perché premette tutti i distinguo possibili e indica tutte le fonti enciclopediche e le dinamiche interne di Google, ma non è bastato a salvarlo dall'accusa gravissima di "diffondere stereotipi": perfino un gigante come Google deve piegarsi al politically correct ("PC"), a costo di spararsi fucilate al ginocchio assumendo personale non per meriti e capacità ma per onorare la "diversità".

"Resumé: spacciatore + pappone e altra merda"

p.s.: quel James D'Amore licenziato da Google mi ricorda i tradizionalisti (e i seminaristi legati alla Messa tridentina) puniti ed emarginati dal vescovo nonostante abbiano espresso le proprie ragioni elogiando ad ogni pié sospinto il Vaticano II...

lunedì 7 agosto 2017

cinture di sicurezza


Questa è la pubblicità della KLM per il gay pride di Amsterdam, ed è involontariamente la prova provata che essere omosessuali non va bene: le cinture con attacchi dello stesso "sesso" non si agganciano e non ti possono salvare la vita.

sabato 5 agosto 2017

bitcoin

Il campo coinbase di alcuni blocchi della blockchain del Bitcoin ha ospitato non solo payload di contenuti immorali o discutibili (ormai è una moda che si allarga sempre di più), ma anche come storage di testi di preghiere in latino, tra cui l'Ave Maria e benedizioni eucaristiche:

http://www.righto.com/2014/02/ascii-bernanke-wikileaks-photographs.html

Ogni venti bytes costano una transaction persa per cui, anche a colpi di un centesimo alla volta, inviare testi lunghetti o immagini diventa decisamente costosetto.

mercoledì 2 agosto 2017

obsolescenza imposta e inquinamento reale

Promemoria tecnico: ciò che deve spaventare delle auto elettriche è... l'informatica. È il software di bordo, debitamente connesso con la casa produttrice, a decidere se e quando l'auto è buona, quanto e come può accelerare e frenare, quali percorsi non potrai fare, ecc. In pratica la rivoluzione delle auto elettriche consiste nel fatto che non possiedi più un'autovettura, ma solo una licenza d'uso.

È in grande stile la stessa truffa degli inchiostri per le stampanti: è il software di bordo - perfino all'interno della cartuccia - che stabilisce arbitrariamente la propria vecchiaia e la necessità di acquistare nuove cartucce (che tipicamente vengono verificate pure se sono originali o "ricaricate"). Dunque l'oggetto "stampante" che hai comprato è praticamente non tuo, ma di proprietà della casa produttrice che te ne concede l'uso solo se fai il bravo e paghi puntualmente la tangente.

Allo stesso modo vanno i cosiddetti aggeggi internet of things (IoT), come ad esempio quello che per permetterti di aprire la saracinesca del garage con lo smartphone anziché con la chiave hanno assoluta necessità di collegarsi alla casa produttrice e di depositarvi i dati sulle tue abitudini. Col risultato, per proseguire con lo stesso esempio, che se diventi antipatico al produttore per un qualsiasi banale motivo, ti disattiva il prodotto e resti chiuso fuori.



E a chi nutrisse ancora qualche dubbio consigliamo di riflettere su telefonini e computer costati ognuno un mese di stipendio, che ad ogni "indispensabile" aggiornamento del sistema diventano più lenti e squinternati, al punto che è raro che aggeggi del genere ti durino più di un paio d'anni. Eppure, nel momento in cui li compravi, il software funzionava, filava tutto liscio e veloce e affidabile... Il fabbricante comanda a distanza l'obsolescenza di ciò che ti ha venduto.

Tutto questo ricordando che i grandi passi avanti nella diffusione della tecnologia sono dettati in realtà da un'agenda che non conosciamo. L'improvviso miracoloso interesse mondiale per le auto elettriche è parte di una strategia a lungo termine, altro che "hurr durr l'inquinamento delle auto": basterebbe ridurre di un terzo il traffico dei cargo per guadagnare l'equivalente della conversione a elettrico di tutte le auto del pianeta:

http://www.maurizioblondet.it/venti-cargo-inquinano-piu-tutte-le-auto-del-mondo/


Con addirittura la convenienza economica “che conviene spedire i merluzzi pescati nel mar di Scozia in Cina in container refrigerati per essere sfilettati e ridotti a bastoncini in Cina, e poi rimandati ai supermercati e ristoranti di Scozia, piuttosto che pagare retribuire sfilettatori scozzesi”.

Chissà perché, questa cosa non ci stupisce.