venerdì 31 gennaio 2014

fessure per il fumo di satana

Ecco come funziona:
  1. un peccato qualsiasi diventa "assai diffuso"
  2. i progressisti scalciano per "depenalizzarlo"
  3. i moderati invocano soluzioni "pastorali" per i "casi particolari"
  4. magari si fa anche circolare la voce che gli "antichi cristiani" erano più pastorali di noi
  5. i vescovi si "consultano" freneticamente elevando un sacco di fumosi "distinguo"
  6. infine - a furor di popolo o addirittura a furor di vescovi - una nuova "fessura" viene trionfalmente aperta per far entrare meglio "il fumo di satana" nel tempio di Dio 
Stavolta si parla della "comunione ai divorziati":


Alcune caratteristiche tipiche di questo caso recente:
  • un Papa ammette che metà dei matrimoni sarebbero invalidi (ma non era meglio tacere e agire?)
  • non si invoca più la dottrina ma ci si lamenta della scarsità di Sacrae Rotae (burocratizzazione della fede)
  • si invoglia mezzo mondo cattolico ad protestare il proprio "caso particolare" (esiste forse qualcuno che crede che il suo è un "caso normale"?)
  • infine: chi osa ricordare che il matrimonio è indissolubile, è un "rigorista", un "novaziano", un autodefinito "puro", un "pelagiano", uno che disprezza i "primi cristiani", magari addirittura un così detto "cripto-lefebvriano"...
Insomma, quando si apre una nuova falla sulla barca di Pietro, i "rigoristi" sono quelli che vorrebberlo tapparla (riproponendo l'essenziale della fede) e i "pastorali" sono quelli che vogliono allargarla (legiferando quanti ettolitri al giorno possono entrare in barca, ma senza aver modo di misurare).

Le vere armi della Chiesa Cattolica sono i sacramenti, il dogma, l'autorità.

Non prendiamoci in giro con i soliti discorsetti politically correct:  lo sappiamo tutti che "pastorale" oggi significa rinunciare a far valere l'autorità, significa annacquare il dogma, significa sprecare i sacramenti.

Non prendiamoci per il culo: lo sappiamo tutti che "misericordia" oggi significa negare le parole di Gesù Cristo: «va' e non peccare più».

Arrivederci al prossimo peccato "assai diffuso".

1 commento:

  1. Che pasticcio, che confusione ...è vebuto meno il kathecon?
    Si sta avvicinando l'anticristo? Boh... io non lo so.
    Non riesco a capire nemmeno che cosa vuola fare papa Francesco...forse solo confusione? Vula dividfere? Provocare uno scisma? Non parliamo poi dello specchietto per le allodole dell'emerito che da cardinale e da papa gettava la responsabilitò sulla coscienza (retta? certa? vera?) delo singolo...senza ricordare che la coscienza coglie la ragionevolezza prima di tutto di conformarsi alla legge di Dio ed a quelle della Chiesa Cattolica.
    Che gran confusione: mo dove c'è confusione c'è anche lo zampone di satana.
    Caapreolo.

    RispondiElimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.