venerdì 3 luglio 2015

enclave francese in territorio italiano

Immaginate un istituto tradizionale che, pur essendo in Italia, non ordina mai sacerdoti italiani. Per esempio uno che sforna una decina di sacerdoti all'anno, ma rarissimamente c'è un italiano tra questi ultimi.

Il blog Messainlatino riporta la notizia delle ordinazioni sacerdotali dell'ICRSS (Istituto Cristo Re Sommo Sacerdote) a Gricigliano, in Toscana. Come al solito, fra i dieci novelli sacerdoti non c'era neanche un italiano.

Eppure le vocazioni italiane non mancano. Per quale bizzarro motivo gli italiani non riescono ad andare avanti nell'istituto di "monsignor" Wach a Gricigliano?

Attualmente l'istituto conta ben 1 (uno) sacerdote italiano, ordinato nel 2011. Nei venticinque anni precedenti ne erano stati ordinati altri quattro, tutti successivamente fuoriusciti dall'istituto.

Più che un'enclave francese in territorio italiano, andrebbe chiamata "gabbia dorata francese": le vocazioni francesi sono infatti privilegiate rispetto a quelle degli altri paesi. Ma solo chi ci ha vissuto dentro può confermarlo.

3 commenti:

  1. Non riescono o non vogliono? Se non erro l'istruzione all'interno dell'ICRSS e` tutta in francese.

    RispondiElimina
  2. Non solo l'istruzione: se due seminaristi sono sorpresi a parlare una lingua diversa dal francese, vengono severamente puniti.

    L'obiettivo dell'ICRSS - neanche troppo celato - è quello di ricostituire la "Chiesa" di Francia...

    RispondiElimina
  3. E a Norcia c'e` almeno un monaco italiano?

    RispondiElimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.