venerdì 6 settembre 2013

stavolta Benedetto Croce è stato onesto

Benedetto Croce, su «Il Giornale d’Italia» (15.X.1907) rispondendo al futuro apostata don Minocchi scrisse:
“Il Modernismo pretende di distinguere il contenuto reale del Dogma dalle sue espressioni metafisiche che egli considera come cosa del tutto accidentale, allo stesso modo che sono accidentali le varie espressioni di linguaggio, in cui può venire tradotto un medesimo pensiero. E in questo paragone è il primo e sommo sofisma dei modernisti. Infatti, è verissimo che un medesimo concetto può essere tradotto nelle più varie forme di linguaggio, ma il pensiero metafisico non è linguaggio, non è forma di espressione: è logica ed è concetto. Onde un dogma tradotto in altra forma metafisica, non è più lo stesso dogma, come un concetto trasformato in altro concetto non è più quello.

“Liberissimi i modernisti di trasformare i dogmi secondo le loro idee. Anch’io uso di questa libertà… Soltanto io ho coscienza, facendo questo, di essere fuori della Chiesa, anzi fuori di ogni religione; laddove i modernisti si ostinano a professarsi non solo religiosi, ma cattolici.

“Che se poi, per salvarsi dalla necessaria conseguenza dell’assunto principio, i modernisti, simpatizzando con i positivisti, con i pragmatisti e con gli empiristi di ogni risma, addurranno che essi non credono al valore del pensiero e della logica, cadranno di necessità nell’agnosticismo e nello scetticismo. Dottrine, queste, conciliabili con un vago sentimentalismo religioso, ma che ripugna affatto ad ogni religione positiva”. Concludeva: “non ci capiterà facilmente un’altra volta la fortuna di essere d’accordo con il Papa”.
Infatti, Croce non era cattolico, ma capiva quanto gli errori del modernismo fossero frutto di pensieri contaminati dal peggiore relativismo.

(citazione reperita su: http://www.agerecontra.it/public/press10/?p=3389 )

1 commento:

  1. Interessante scritto.
    Croce dice una grossa verità nel 2ndo e 3rzo capoverso.

    Nemmeno io ho mai capito perchè i modernisti si ostinassero (ovvero i modernisti storici d'allora cui si riferisce lui, che buscarono la condanna nel 1903....ma ci mettiamo in pieno anche i nuovi modernisti del post vat. II) e si ostinano a restare nella Chiesa e pontificarvi dentro negando 1960 anni di Tradizione, appaiandosi alle più deleterie mode mundane ideologiche in circolazione,
    pretendendo pure di venir approvati e di essere definiti "in continuità".

    E' quest'ultima la loro più grande arroganza, non tanto la scelta singola di disobbedire o disallinearsi, loro responsabilità singola davanti a Dio,
    ma di farlo continuando a voler parere in conformità con la Chiesa.

    Se hanno quei disaccordi, era più onesto che uscissero e fossero usciti dall Chiesa, un po' di attributi suvvia! prendendosi responsabilità di ciò che la coscienza dice loro,
    invece che portare tutta la Chiesa nel baratro con loro.

    RispondiElimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.