martedì 12 febbraio 2013

"siamo tutti americani", eh?



«...Quotidianamente, i droni degli Stati Uniti uccidono in giro per il mondo. Quanta gente venga ammazzata, non si sa, visto che tutto è segreto. [...] Il governo USA può assassinare cittadini statunitensi all’estero se pongono una “minaccia imminente”, specificando però che: “Una minaccia ‘imminente’ di un attacco violento contro gli Stati Uniti non richiede che gli Stati Uniti abbiano prove chiare che uno specifico attacco contro persone o interessi statunitensi avrà luogo nell’immediato futuro”. [...]

Chi può decidere quindi di uccidere un cittadino americano in qualche remoto angolo del mondo, senza processo e senza nemmeno le prove che intenda compiere un’azione violenta, in quanto – a insindacabile parere del suo boia - “leader operativo importante” di una “forza associata”? Lo può fare un imprecisato “responsabile di alto livello” (“high-level official”); che per gli omicidi importanti sappiamo è di solito il presidente Obama, che ci tiene personalmente a firmare le kill list che gli vengono presentate...»

http://kelebeklerblog.com/2013/02/09/products-in-products-out-la-serena-fabbrica-dellomicidio/


Qui sotto: base lancio droni degli USA in Arabia Saudita:

Nessun commento:

Posta un commento

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.