martedì 4 luglio 2017

per un seminario tradizionale in Italia

Segnalo il blog del Circolo Liturgico Pio VII:

https://circololiturgicopio7.blogspot.com

che sostiene la fondazione di un seminario tradizionale (in lingua italiana e ubicato in Italia) fondato sulla liturgia tradizionale in latino e sugli scritti di san Giovanni della Croce.

Saranno presenti al convegno Summorum Pontificum il 14-17 settembre 2017 a Roma.


Alcuni video di presentazione da parte di Alessandro, uno degli autori del blog, pubblicati su un canale di GloriaTV:

https://gloria.tv/Circolo Liturgico Pio VII

2 commenti:

  1. quale dottrina seguirà questo seminario? Quella della chiesa vaticanosecondista?

    RispondiElimina
  2. Il sacerdote originariamente contattato non è un modernista.

    Oggi, però, di quel seminario, resta solo la bella proposta in attesa di trovare un sacerdote convinto e deciso, ed un vescovo amico della Tradizione che accolga la proposta e se ne faccia carico, e tutto il resto.

    La tragedia postconciliare è che le vocazioni ci sono (al punto che fondano Circoli come quello), ma...

    - le strutture non moderniste scarseggiano, sono castrate o castranti, o dal buttafuori troppo facile;

    - i sacerdoti disponibili ad accompagnare vocazioni tradizionali si defilano (talvolta persino per validi motivi);

    - i vescovi amici della Tradizione ci sono ma hanno una fifa boia di clero, di confratelli, di conferenze episcopali e soprattutto di titoli di giornali.

    Insomma, per accedere al sacerdozio nella forma tradizionale occorre essere particolarmente giovani, particolarmente benvisti negli ambienti dove si vuole entrare (letteralmente cresciuti dentro), e molto ferrati in lingua, usi e costumi francesi.

    Tornerò volentieri in argomento con un articolo su Chiesa e Postconcilio, frutto di alcune interviste a seminaristi tradizionali e aspiranti tali.

    RispondiElimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.