mercoledì 13 gennaio 2016

"la libertà vi farà liberi": la mutazione genetica di Cielle

In un tipico articolo di fuffa ecclesiale da giornaletto arcidiocesano - cioè di quelli che vanno letti tra le righe -, si ammette che:
L’elaborazione condensata nel libro “La bellezza disarmata” di Julian Carron, il presidente della Fraternità di Comunione e liberazione, sembra costituire la piattaforma della mutazione genetica di Comunione e liberazione. Se tale operazione sia un ritorno ai fondamenti di don Giussani o piuttosto il loro tradimento è già oggetto di una discussione interna a CL tanto lacerante quanto sotterranea.
L'articolo prosegue lamentando che nel movimento di CL l'impegno politico ha avuto "preminenza" sull'aspetto ecclesiale e quello socio-economico, e che "gli inconvenienti" dell'impegno in politica "sono finiti sulle pagine dei giornali"... in parole povere, l'articolista sposa in pieno la propaganda anticiellina dei comunisti degli anni '70.

E lo fa per giustificare don Julian Carròn, leader di CL, che al movimento «propone» (cioè ordina):
Carron propone, ora, una revisione, se non della categoria astratta, almeno della pratica che ne è seguita. Si propone di “sfrondare” la presenza, denunciando la tentazione di sostituire la fede con un progetto e di contare troppo sulla politica. 
In parole povere, dato che nonostante tutti i compromessi in politica da qualche anno eminenti figure di CL hanno azzeccato ragguardevoli figuracce, si corre ai ripari. Cioè si definisce un capro espiatorio, lo si qualifica come in preda al «panico» e lo si bastona in modo da accattivarsi le improbabili simpatie dalla burocrazia curiale.

Lo scopo della mutazione genetica è infatti di «consentire al movimento ecclesiale di CL di giocare un nuovo ruolo culturale e educativo nella società italiana e nella Chiesa». Come a dire che grazie a quelle figuracce sarebbe scaduto l'intero patrimonio "culturale e educativo" (e soprattutto curiale) di CL.

E quale è il metodo indicato da Carròn per giocare tale "nuovo ruolo"? Lo scivolamento verso lo spirito di questo secolo e una robusta iniezione di ottimismo (come se i ciellini ne avessero davvero bisogno): “quando il mondo crolla, c’è qualcosa che permane: la realtà!”. La realtà è positiva “per il Mistero che la abita” (insomma, la solita riduzione della virtù della speranza a sorridente ottimismo).

Al che il buon Donga, direttore del sito web Cultura Cattolica, prende coraggio e insorge:
Sono personalmente contro e inorridito dagli OGM spirituali, perché anteporre la libertà alla verità mi fa sentire puzza di zolfo. In questo caso da «La verità vi farà liberi» a «la libertà vi farà veri».
***

Alcuni articoli in tema:

Nessun commento:

Posta un commento

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.