giovedì 27 marzo 2014

modern's Orsolin's evangelization's yeah

Una suora orsolina venticinquenne si agita sul palco e perbacco, come canta bene!

Lo scenario di The Voice Of Italy (che in tutta sincerità non sapevo neppure che esistesse) somiglia a quello dei film Hunger Games con i quattro aristocratici che si fingono stupiti dall'aver scorto una suora canterina, tranne quello coperto più da tatuaggi che da peli, che pare quasi sinceramente commosso.

Interessanti anche le scene verso la fine, dove si può apprezzare un'inquadratura con le scarpe della suorina e del tatuato, ottimo strumento di riflessione.
«Mi aspetto una telefonata da Papa Francesco... perché lui ci invita ad uscire, a evangelizzare, a dire che Dio non toglie niente, anzi, ci dona ancora di più... sono qui per questo!»




3 commenti:

  1. una sola fede27 marzo 2014 11:12

    Grazie per questo post...ottimo, esistenzialmente periferico, come anche sul blog di mic dove parli di amore per la verità, o meglio, per la Verità che ci farà liberi...

    per quanto riguarda la suora avevo già segnalato nell'altro blog la cosa,inserendo anche un mio commento con le parole di Sant'Agostino, ma a parte uno o due, ha ricevuto quasi zero reazioni, che invece a mio avviso da un certo punto di vista le meritava eccome, con maggiore visibilità, perchè è chiaro che non si può tacere o minimizzare un fenomeno che su youtube ha avuto TRENTADUE MIILIONI (ad oggi) di click, quindi anche da altre parti del mondo e appaiando in soli SETTE GIORNI, ad esempio, i contatti accumulati in anni e anni di youtube il capolavoro di Mozart, cioè la musica della Messa da Requiem, o, entrando maggiormente nel profano, molte delle canzoni dei Beatles o altri gruppi e cantanti pop e rock notissimi che non hanno totalizzato neanche la metà delle visualizzazioni e che eppure stanno su youtube da quasi un decennio. Insomma, a mio avviso, hai fatto benissimo a farci un post, anzi, ERA DOVEROSO.

    Sembrerà strano, ma in quella serata, stando a ciò che si vede nel video, perchè neanche io sapevo dell'esistenza del programma non avendo da anni la tv (e si capisce il perchè) le impressioni più sagge le ha manifestate implicitamente la Carrà quando le ha chiesto all'inizio se fosse una suora vera o vestita (da suora)...o quando poco dopo ha detto testuale: "Non voglio indagare, avrai avuto sicuramente le tue ragioni (per farti suora)"..o "Perchè hai pensato di venire qua?..." che ha suscitato l''ormai ultra-post-conciliare risposta: "Ho un dono, ve lo dono!"...Il cantante tatuato fino alla gola (letteralmente) invece dopo aver versato lacrime di commozione, ha detto, rivolto alla suora-rock "se quando, da bambino, andavo a Messa avessi trovato te, a quest'ora sarei diventato papa"..cosa probabile, da quanto ormai si vede dalle parti di quel colle, dove tanti martiri, incluso il Principe degli Apostoli, sono sepolti...E poi ha esclamato ancora: "Io e te siamo imbattibili, sai perchè? siamo il DIAVOLO (indicando se stesso) e l'ACQUA SANTA (indicando lei)"..Ecco, sinceramente avrei avuto qualche dubbio in più fossi stato in lui per quanto riguardava l'esatta attribuzione....Infine il dubbio finale su chi sia stato in quell'occasione il diavolo e l'acqua santa lo mette anche l'ultima scena in cui J-Ax va a stringersi, sollevandola da terra, la suora e lei non pare minimamente sorpresa nè tanto meno infastidita dalla cosa, ma ci si sistema anzi ben bene aggrappandosi alle sue spalle e questo è ben peggiore del gesto di lui: d'altra parte che cosa ci si poteva aspettare da una religiosa che sa ripetere solo "GRANDE!!" "BELLISSIMO!!" rivolto sia a lui che all'altro cantante..e che al minuto 6.50 fa pure il gesto delle corna, conosciutissimo in ambiente rock-heavy metal-rap e affini?...
    Grazie ancora EP.

    RispondiElimina
  2. una sola fede27 marzo 2014 12:50

    Se me lo permetti EP inserirei anche su questo tuo blog ciò che afferma SANT'AGOSTINO, dall’ESPOSIZIONE SUL SALMO 96, con un piccolo mio commento a margine...

    “QUANTI OGGI HANNO CONVINTO DEGLI AMICI A RECARSI ALLO SPETTACOLO COMICO O ALL’ORCHESTRINA? Perché l'hanno fatto se non perché loro piaceva? EBBENE, VOI AMATE CRISTO, I CUI SPETTACOLI SONO SENZA CONFRONTO. Egli ha vinto il mondo; in lui nessuno può dirvi di aver trovato motivo di recriminazione.[…] ATTIRATE, DUNQUE, ACCOMPAGNATE, TRASCINATE TUTTI COLORO CHE VI SARA’ POSSIBILE. State tranquilli! Li portate a uno che non deluderà quanti lo vedranno. E pregatelo affinché li illumini e loro riescano a guardarlo per bene. I cieli annunziarono la sua giustizia, e tutti i popoli videro la sua gloria”.

    Piccola riflessione: mi pare che oggi sia tutto capovolto, e addirittura i consacrati vengono convinti (o si convincono facilmente da soli) non solo a recarsi, già cosa disdicevole in sé, ma persino a partecipare agli spettacoli mondani, e in più tenendo pure loro atteggiamenti mondani (vedere ad esempio, in segno di esaltazione e partecipazione emotiva, il gesto delle "corna" della succitata suora al minuto 6.50 circa del video). Questo è il colmo: povero Sant'Agostino, lui che sosteneva, che il cristiano deve attirare, accompagnare il più possibile TUTTI a Cristo, stando fuori ovviamente dai teatri e dagli spettacolini vari, si ritrova da un po' ad assistere dal Cielo il triste spettacolo invece di chi porta l'abito religioso e si fa inghiottire dallo spettacolo stesso, dalla voglia di mondo, dall'esibizione (mascherata ovviamente dal pretesto di "evangelizzare"!), da tutto ciò insomma che non solo doveva ben fuggire, ma da cui avrebbe dovuto distogliere gli altri che sembrano goderne, reindirizzandoli, come dice appunto il Santo Vescovo, verso Colui che HA VINTO IL MONDO, cioè Cristo, "I CUI SPETTACOLI SONO SENZA CONFRONTO".

    RispondiElimina
  3. Ma chi è 'sta cretina? E chi è la Superiora che le ha permesso di esporre l'Ordine al pubblico ludibrio? Che si tolga il velo, lasci il convento e DA LAICA vada a far pena a tutti gli spettacoli musicali. Ma che non si permetta di umiliare i Voti religiosi di cui, con queste miserrime performances, si è dimostrata totalmente indegna. Evidentemente exempla trahunt, gli esempi trascinano: c'è già un altro che ama rendersi ridicolo in pubblico, e grazie al quale la dignità somma del Pontificato è desacralizzata, tribalizzata, profanata. Che pena.

    Invece di salmodiare in coro le sante melodie della Chiesa, questa infelice si riempie la bocca di canzonacce scomposte, ancheggia, zampetta, scimmiotta grottescamente gli idoli del secolo... Dinanzi ad un uditorio sconcertato da tanta sfrontatezza, che quasi non crede che una suora possa giungere ad emulare e superare in ribalderia canore di The Voice. Sorella di chi? Vergogna! Ed ancor più vergognosa la vulgata conciliare, secondo cui "diavolo e acqua santa" stanno perfettamente insieme. E ovviamente, a sigillare lo squallido solidarismo alla Bergoglio, ecco il riferimento a Francesco, "che ci invita a uscire". Sì: a uscire di senno.

    RispondiElimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.