venerdì 13 febbraio 2015

la Macedonia va contro la NATO e della UE (indovinate come)

Pochi giorni fa il governo della Macedonia, minacciato di colpo di Stato democratico (o espansione della democrazia, secondo Soros) ha scelto il fronte filo russo, insieme a Serbia, Grecia e Cipro.

L’atto con cui la piccola repubblica ha decretato in quale campo sta, è stata l’approvazione , da parte del Parlamento macedone, di un emendamento alla Costituzione che risuona così: si chiama matrimonio «esclusivamente l’unione di un uomo e di una donna». Con 72 voti contro 4.

Il che ha fatto infuriare il capo dell’opposizione, tale Libco Georgevski, che a Radio Free Europe (quella finanziata dalla CIA fin dal 1971) ha tuonato: «L’attuale Governo è contro la NATO e contro la UE, è uno strumento della politica di Belgrado...».

Nessun commento:

Posta un commento

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.