mercoledì 18 dicembre 2013

la ferocia della "Chiesa della misericordia"

Premessa:
Qualche giorno fa, poi, parlando al network americano Ewtn, Burke rincarava la dose. Interpellato sulla esortazione Evangelii Gaudium, il cardinale diceva che quel documento “non può essere considerato insegnamento ufficiale della chiesa”. Ascoltando il Papa, aggiungeva, “uno ha l’impressione che lui pensi che stiamo parlando troppo di aborto, dell’integrità del matrimonio tra uomo e donna. Ma noi non potremmo mai parlare abbastanza di questo. Siamo letteralmente in presenza di un massacro di non nati”.
Risultato:
Poche ore dopo cardinale Raymond Leo Burke è stato estromesso dalla Congregazione dei Vescovi, la congregazione romana più delicata in assoluto, le cui decisioni determinano il futuro della Chiesa (una volta che un asino è stato promosso a vescovo, te lo dovrai sorbire come minimo fino all'età pensionabile).

Chissà perché lo stesso tipo di trattamento non è applicato ai vescovi e cardinali che promuovono "aperture" dottrinali e morali...

14 commenti:

  1. Non si potrebbe avere qualche notizia in più sul card. Burke? Sembra, da quanto riportato sul blog, che ci sia quasi un contrasto nascosto ma forte, fra Burke ed il Papa. O no?
    Capreolo.

    RispondiElimina
  2. Direi che non ci sono più dubbi. Oltrechè fan del "terminator" di Eluana. Bergoglio è anche fan della Bonino. Burke si prepari ad essere vero Papa di quel che resterà di Santa Romana Chiesa alla morte dell'attuale Papa legittimo Benedetto XVI. Francesco ha un futuro come DJ nelle Cristoteche sudamericane. Mazzarino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Papa Francesco non sarebbe dunque veramente e legittimamente Papa? E perché mai?
      Capreolo

      Elimina
    2. Perchè le dimissioni di BXVI sono palesemente illlegittime (come confermato dall'illegittimità della persistenza di due papi) e perchè egli stesso non ha mai voluto esserlo. Si è sempre dichiarato, su suggerimento maldestro di Kasper, in previsione del progetto di mutazione di Santa Romana Chiesa, solo vescovo di Roma e mai Sommo Pontefice infatti, prima della predisposizione dell'attuale cintura mediatica protettiva, ha dichiarato pubblicamente "che non ha mai voluto essere Papa". Il fatto che ogni giorno spuntino video (puntualmente fatti rimuovere con le minacce dalla "polizia segreta vaticana") che attestano i suoi tanti atti dissacranti il sacerdozio cattolico e i luoghi sacri in fondo a questo punto è perfino secondario.

      Elimina
    3. papa Francescio è papa canonicamente e validamente eletto: alla legittimità canonica dell'elezione si richiede solo che l'eletto accetti l'elezione stessa.
      "Accpatsne electionem de te in Summum Pontificem canonice factam?"
      "Accepto" ed il papa è fatto, Bergoglio ha risposto "accepto" ( o qualcosa di sostanzialmente simile) ed è diventato Papa. Punto e basta.
      Non è per nulla evidente l'illegittimità dell'abdicazione di Benedetto XVI, anzi è evidente il contrario. Benedetto XVI non è più papa. Quindi non ci sono due papi; semmai anche Benedetto XVI fu, era ed è un modernista, proprio come Bergoglio.
      Capreolo.

      Elimina
    4. L'illegittimità della rinuncia può non essere evidente di per sé ma sussistere pur sempre, per l'accettazione si richiede che l'eletto, in caso il conclave sia legittimo, accetti di essere eletto Sommo Pontefice e non solo Vescovo di Roma.

      Elimina
    5. Per favore sia un poco logico. Non esiste un pontefice senza avere un vescovo di Roma! Papa Bergoglio disse che che preferiva essere considerato vescovo di Roma per riguardo agli ortodossi, ma si presenta in vari modi:sono Francesco, sono papa Francesco. E' vero in senso non compiuto che abbiamo due papa. La differenza sostanziale è che uno è papa emerito, quindi per sua scelta non può più esercitare la "funzione" di papa (come lo sono i vescovi e cardinali emeriti), l'altro , regolarmente eletto e per accettazione sua, è papa con tutti gli effetti della sua funzione. Vediamo poi chiaramente che papa Francesco è molto decisionista e si comporta da papa. Direi che sia stato una grande grazia per papa Francesco poter contare su papa Benedetto nel passaggio di consegne alla guida della chiesa. Credo che ancora parlare di illegittimità è senza senso alcuno. Meglio fare discorsi più seri

      Elimina
    6. Mazzarino22 dicembre 2013 18:07

      Se Bergoglio è Vescovo di Roma è anche Pontefice. FALSO
      E' l'escamotage inventato dai tedeschi per far accettare Bergoglio che non aveva nessuna intenzione di accettare di essere ciò che detestava e voleva demolire e cioè l'istituzione Papale così come nei secoli tramandata. Ma è una zecca:
      Si può essere Papa anche senza essere vescovo, infatti diversi sacerdoti sono diventati Papi senza essere vescovi. Solamente accettando di essere Papa si diventa papa. Non come conseguenza dell'essere Vescovo di Roma. Il vdr presidente degli altri vescovi e delle altre chiese nazionali fa parte della concezione tedesca di Chiesa che Bergoglio si è impegnato a realizzare ma che non esiste ancora all'atto della sua accettazione perché confutata e negata da diversi atti di magistero solenne. Pietro era Papa fin dal giorno dell'Ascensione senza essere Vescovo di Roma. Il Papa emerito non esiste e non è mai esistito. Esiste invece Vescovo Emerito. Infatti Bergoglio, prima della messa punto del castello di bugie a suo supporto, ha chiamato Ratzinger vescovo emerito di Roma. Papa attuale è BXVI che non ha mai accettato di diventare vescovo e Bergoglio, visto che non ha accettato di diventare Papa non è neppure vescovo di Roma. Andate su Youtube a riascoltare cosa ha detto Bergoglio di essere quando ha parlato dal Balcone e tutto vi sarà più chiaro. Ma fate presto. Nonostante l'esaltante "buonasera" sono capaci di far rimuovere anche quello.

      Elimina
  3. certo che non esiste un Papa senza che sia anche Vescovo di Roma, perciò chi non ha inteso essere Papa, ne ha rifiutato le insegne, ne ha disprezzato la dimora, ne sfugge la cattedra (mai si siede ad insegnare), non porta l'anello del Pescatore, pronunzia eresie etc, chi è? Penso che la domanda sia legittima, e non oziosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Lei fa un poco di confusione. Papa Bergoglio è stato eletto papa o vescovo di Roma?Perchè allora vuole essere considerato vescovo di Roma e poi chiama dicendo "sono papa Francesco"? Chi è vescovo di Roma, perché successore di Pietro, è automaticamente papa. I cardinali eleggono il vescovo di Roma quando scelgono il papa. Così viene sempre interpretato. E' pur vero che, come già successo, i cardinali possano eleggere un papa che non risieda a Roma per i motivi più disparati. Ora la successione pietrina è esclusiva del vescovo di Roma. Sia papa Bergoglio come i cardinali danno questa interpretazione.

      Elimina
    3. Caro Vincenzo visto che lei, da buon violento Bergogliano, esordisce sempre insultando; "sia logico, fa confusione" a questo punto le rispondo, secondo San Bernardo, per le rime. La confusione la fa lei, forse per alzare interessato fumo di difesa. Vada a studiare piuttosto. Il fatto che si possa eleggere un Papa che non risieda a Roma c'entra come i cavoli a merenda. I cardinali eleggono il Papa non il Vescovo di Roma. POI ! il Papa è anche Vescovo di Roma. Non viceversa. Un vescovo non si elegge si nomina. Dato e non concesso che le dimissioni di BXVI siano valide, Bergoglio è stato eletto Papa ma ha accettato di essere SOLO vescovo di Roma. Basterebbe il fatto che in Atti firmi Franciscus per dimostrare il suo distinguo dalla successione petrina. In queste cose le interpretazioni non sono ammesse, qui contano solo gli atti di magistero. Le ripeto che sono stati eletti diversi Papi che sono stati nominati Vescovi solo successivamente. Così è stato anche per Pietro. Nel frattempo per lei la sede sarebbe stata vacante? Può bastarle? O vuole qualche lezione di "logica" sulle implicazioni univoche e biunivoche?

      Elimina
    4. Vedo che è suscettibile oltre misura. "Sia logico, fa confusione" a mio parere le si addice perfettamente dai suoi interventi e non sono insulti, ma chiari giudizi su quanto esprime. Mentre i suoi "forse per alzare fumo di difesa" e "Bergogliano violento" sono vere insinuazioni. Difficile che lei sia in grado di dare lezioni soprattutto "di logica", quando neppure sa cosa sia o possa essere. Vedo che con lei non si riesce a dialogare o capirsi. Può benissimo stare nel suo brodo....e non la disturbo più. Non ne vale la pena. L'unica cosa che potrebbe avere ragione è sulla distinzione tra elezione e nomina, ma andrebbe approfondita in particolare sul piano storico, quando i primi cristiani, come fece Pietro nel sostituire Giuda, eleggevano i loro vescovi, sempre con approvazione apostolica o vescovo titolato. Lei dice" Bergoglio è stato eletto Papa ma ha accettato di essere SOLO vescovo di Roma. " Una fregnaccia simile se la può risparmiare. In particolare, come conseguenza, dovrebbe scrivere a papa Bergoglio intimandogli di non dire più " sono papa Bergoglio", come impunemente ha fatto. Mi scusi, aldilà delle possibili divergenze ed opinioni personali, lei in che mondo vive e che logica segue? Nei numerosi miei interventi su vari blog solo i fascistelli , gli ideologizzati duri e frustati , chi fa dello scontro perpetuo pro domo sua uno stile di vita o chi scrive come un ubriaco insinua che non cerco di essere logico. Veda lei. Può anche non rispondere. Non mi interessa. Fine discussione.

      Elimina
    5. Fascistelli??? Ora ho capito. Placet. Fine discussione.

      Elimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.