sabato 15 ottobre 2016

canonizzazione di San Lutero, protettore degli eretici

Si avvicina la sacra festa di Halloween (31 ottobre 2016), scelta nientemeno che dal Sommo Pontefice per celebrare, onorare, lodare e magari anche canonizzare Sua Santità San Lutero, protettore degli eretici e gran rifornitore di anime per l'inferno.


Secondo quanto comunicato dalla Sala Stampa Vaticana il programma prevede una "Preghiera Ecumenica", una liturgia definita "Evento Ecumenico", un incontro con le "Delegazioni Ecumeniche", e una "Santa Messa" (sicuramente "ecumenica") allo stadio.

Il logo è tutto un programma: è così brutto e idiota che sembra tratto da un Catechismo dei Fanciulli approvato dalla CEI, anzi, da qualche guida LGBT in uso nelle parrocchie:



Nota bene:
Nella sua Omelia della I domenica di Avvento Lutero dichiara:

«Io dichiaro che tutti i postriboli, gli omicidi, i furti, gli assassinii e gli adulteri sono meno malvagi di quell’abominazione che è la messa papista».

Mentre nel Contra Henricum Lutero afferma:

«Quando la messa sarà distrutta, penso che avremo distrutto anche il papato... Infatti il papato poggia sulla messa come su una roccia. Tutto questo crollerà necessariamente quando crollerà la loro abominevole e sacrilega messa».
La "Messa Papista" di cui parla San Lutero è praticamente la Messa Tridentina.

Orsù, andiamo tutti a Lund a glorificare Sua Santità San Lutero, uno dei più grandi spalancatori delle porte dell'inferno; magari poi andremo anche in pellegrinaggio a Wittenberg.

Lutero (tra i due è il nanetto)
onorato e osannato in Vaticano:
la realtà supera i più foschi timori

Infatti, come dice il Vangiuelo, noi esistiamo solo per mostrare ai luterani che bramiamo di essere "ecumenici".


Foto qui sotto: Bergoglio, equipaggiato di stola "Mit Luther, Zum Papst", riceve in omaggio un'edizione prestigiosa delle 95 Tesi che secondo la leggenda Lutero avrebbe affisso alla porta della cattedrale di Wittenberg suscitando profonde e dettagliate riflessioni teologiche nel popolino teologicamente coltissimo e raffinato.


6 commenti:

  1. Che bravo che era Lutero! Che aveva ideato questa chiesa moderna...
    Ciò è quello che dicono alcuni cattolici

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. dove Lutero elaborò le 95 tesi?

    Sul w.c.; è storico, non è una battuta

    http://www.lamadredellachiesa.it/martin-lutero-per-la-stesura-delle-sue-95-tesi-importante-fu-il-gabinetto/

    RispondiElimina
  4. desidero far notare una cosa.
    Anche la sola teoria della Giustificazione (senza scomodare tutto il resto di ciò che non va) secondo i luterani odierni è ancora sotto condanna del Concilio di Trento:

    si veda qui

    http://www.cprf.co.uk/languages/italian_justificationheartofgospel.html#andgoodworks

    La Giustificazione e le Buone Opere del Prof. David J. Engelsma, versione protestante, come creduta tuttora

    e qui i principi del Concilio di Trento, anche sulla sola giustificazione:

    http://www.unavox.it/doc06.htm

    Ai aggiunga che i luterani considerano chiave esegetica non i Vangeli, ma un tratto mal estrapolato dall'Epistola ai Romani:

    "l'uomo è giustificato mediante la (sola..aggiunto da Lutero) fede senza le opere della legge,"

    ignorando tutto il resto. Questa posizione che è mera ideologia riduce anche il potere redentivo di Cristo, che appare non in grado più di redimere, ma solo di coprire il peccatore col manto di justitia aliena, senza che questo errante possa santificarsi mai, negando anche l'opera rigeneratrice dei Sacramenti e dello Spirito Santo.

    Sono ancora lì, a quel punto. Non c'è nulla in questo senso da celebrare, nè da concelebrare, e men che mai elevare statue.

    RispondiElimina
  5. qui i dettami principali del Concilio di Trento a riguardo:

    9_se qualcuno afferma che l'empio è giustificato dalla sola fede, nel senso che non si richiede nient'altro per cooperare al conseguimento della grazia della giustificazione, e che non è assolutamente necessario ch'egli si prepari e si disponga con un atto della sua volontà: sia anatema (DS, 1559)


    11_Se qualcuno afferma che gli uomini sono giustificati o per la sola imputazione della giustizia di Cristo o per la sola remissione dei peccati, ESCLUSE la grazia e la carità che è riversata nei loro cuori dallo Spirito Santo e inerisce ad essi; o anche che la grazia, con cui siamo giustificati, è solo favore di Dio: sia anatema (DS, 1561)


    12_Se qualcuno afferma che la fede che giustifica non è altro che la fiducia nella misericordia divina, che rimette i peccati a motivo di Cristo, o che questa fiducia da sola giustifica: sia anatema (DS, 1562)


    24_Se qualcuno afferma che la giustizia ricevuta non viene conservata e neanche fatta fruttificare dinanzi a Dio con le buone opere, ma che queste sono solo frutto e segno della giustificazione ottenuta, e non anche causa del suo aumento: sia anatema (DS, 1574)

    RispondiElimina
  6. Mit Luther zum Teufel....fossi in Calvino, Hus and.co. mi adonterei assai, ma come noi che abbiamo fatto tanto per convincere i più riluttanti.....31 ottobre è la festa delle zucche vuote.......appunto.

    RispondiElimina

Questo è un blog per segnalare notizie ecclesiali generalmente pubblicate su altri siti web.

Sono gradite segnalazioni, correzioni, precisazioni, rettifiche (purché documentate) e commenti in tono civile. Tutto il resto non è gradito.

I vostri commenti sulle vecchie pagine vengono pubblicati generalmente dopo 24-48 ore.